Comune di Cittą di Castello (PG)

FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI POLISPORT IN SOGEPU: PRESENTATA LA PROPOSTA DELLA GIUNTA COMUNALE. BACCHETTA: "OPERAZIONE A GARANZIA DELLA FUNZIONE SOCIALE DELLO SPORT, DEI LIVELLI OCCUPAZIONALI E DELLA RIDUZIONE DEI COSTI".A BELLADANZA GLI STUDI

sabato 19 agosto 2017
Ricerca assistita
Ricerca assistita
Mentre digiti nella casella di ricerca la funzione di completamento automatico ti offre diverse soluzioni di ricerca
Notizie dal Comune
Home Page » Documentazione » Notizie dal Comune » lettura Notizie e Comunicati
..
FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI POLISPORT IN SOGEPU: PRESENTATA LA PROPOSTA DELLA GIUNTA COMUNALE. BACCHETTA: "OPERAZIONE A GARANZIA DELLA FUNZIONE SOCIALE DELLO SPORT, DEI LIVELLI OCCUPAZIONALI E DELLA RIDUZIONE DEI COSTI".A BELLADANZA GLI STUDI
CAmpanili
11-05-2017 -

 

“L’operazione di fusione per incorporazione di Polisport in Sogepu è una proposta della giunta comunale chiara e non mediabile, di cui siamo orgogliosi perché è frutto del lavoro serio e complesso di due anni finalizzato alla garanzia del mantenimento dell’impronta sociale dei servizi sportivi della nostra città, alla tutela occupazionale dei dipendenti di Polisport e a una razionalizzazione consistente dei costi”. E’ così che il sindaco Luciano Bacchetta ha presentato il progetto di unificazione delle due società partecipate nella conferenza stampa di stamattina nella residenza municipale, alla quale hanno partecipato il vice sindaco e assessore al Bilancio Michele Bettarelli, l’assessore all’Ambiente e allo Sport Massimo Massetti, il presidente di Polisport Angelo Monaldi e il presidente di Sogepu Cristian Goracci, con il direttore Ennio Spazzoli. “Con la soluzione giuridica che abbiamo individuato grazie al fondamentale supporto delle professionalità della struttura comunale – ha puntualizzato Bacchetta – portiamo a compimento un percorso iniziato il 30 marzo 2015 con l’adozione da parte del consiglio comunale del Piano di razionalizzazione delle società partecipate, sulla base di impegni assunti anche nel programma di governo della coalizione che guida il Comune, che è  pertanto tutto meno che improvvisato, come qualcuno sostiene, o poco trasparente, visto che sono le normative a prescrivere la massima chiarezza economica e finanziaria dell’operazione di incorporazione”. Nell’ambito dell’illustrazione dello stato di avanzamento del Piano di razionalizzazione delle società partecipate, il sindaco ha ricordato che saranno mantenute attuali le partecipazioni in Sogepu (91,6 per cento), Farmacie Tifernati (100 per cento), Umbra Acque (3,13 per cento), Tela Umbra (26,91 per cento) e Alta Umbria, tramite l’Associazione Alto Tevere Valle delle Genti, mentre saranno dismesse o sono già state dismesse le partecipazioni in Polisport (100 per cento), Ponti Engineering, Fintab, Fattoria Autonoma Tabacchi e Consorzio Valtiberina Produce, per il quale, come ha precisato l’assessore Bettarelli, entro luglio sarà avviata la liquidazione dopo due tentativi di vendita vani. “La proposta di fusione di Polisport e Sogepu – ha aggiunto Bacchetta – verrà ora portata all’attenzione delle commissioni competenti e del consiglio comunale, come dice la normativa e non perché a chiederlo sia qualche forza politica, e nell’arco di 60 giorni verrà dato seguito alla prima fase dell’acquisizione da parte di Sogepu delle quote azionarie di Polisport detenute dal Comune”. A sottolineare il valore dell’operazione è stato l’assessore Massetti, citando i numeri dello sport a Città di Castello (14 mila tesserati, 40 discipline praticate, 120 società sportive), gli importanti risultati sportivi degli atleti locali e i rilevanti traguardi gestionali (come il Crossodromo de La Trogna), ma soprattutto evidenziando “la scelta di campo dell’amministrazione di continuare a tutelare la disponibilità degli impianti sportivi a costi contenuti, grazie all’investimento annuo di circa un milione di euro che il Comune sostiene per garantire la funzione sociale dello sport, portando Polisport all’interno di una realtà consolidata e importante come Sogepu, che sta ottenendo risultati importanti sul versante economico-finanziario, della raccolta differenziata e degli investimenti impiantistici”. Di “un’operazione che porterà grandi benefici a Polisport e alla gestione degli impianti sportivi” ha parlato il presidente della società Monaldi, che ha dato una dimensione  numerica (15 dipendenti, più gli istruttori con contratto a chiamata per la scuola nuoto e 2 istruttori per il tennis) e operativa (gestione e manutenzione ordinaria degli impianti del Comune dalle ore 8.00 alle ore 22.00 e delle sette palestre della Provincia di Perugia dalle 14.30 alle ore 24.00) dell’azienda, che nel 2016 ha consentito agli utenti di utilizzare per 26.590 ore le strutture affidate, con 332.500 presenze-utenti registrate. “Con questa operazione, che si svolgerà nella massima trasparenza richiesta dalle procedure, perseguiremo gli obiettivi della razionalizzazione dei costi, dell’ottimizzazione delle risorse e della tutela del personale, lavorando al miglioramento dei servizi e dando seguito agli investimenti necessari negli impianti sportivi”, ha sottolineato Goracci, che insieme al direttore Spazzoli ha chiarito la questione dell’inquinamento di Belladanza, recentemente al centro del dibattito politico. “La situazione rilevata nel 2010, peraltro con valori estremamente bassi di concentrazione di sostanze inquinanti seppur oltre i limiti, è stata affrontata con una procedura tecnica rigorosa certificata da tutti gli enti e gli organismi preposti, che – hanno spiegato i responsabili di Sogepu - attraverso un Piano di Caratterizzazione e un’Analisi di Rischio, ha individuato l’origine del problema nel corpo di rifiuti collocato nella discarica esaurita chiusa a fine anni ’80, escludendo ogni responsabilità riconducibile alla gestione della nuova discarica, e ha permesso di dichiarare Belladanza ‘sito non contaminato’ ai sensi del Codice dell’Ambiente, tale quindi da non comportare un pericolo per la popolazione”. Il presidente Goracci ha comunque preannunciato che l’azienda, continuando in un approccio orientato alla massima disponibilità e trasparenza nei confronti delle rappresentanze politiche e dei cittadini, avvierà “Open Days” per la visita degli impianti per tutti gli interessati, a cominciare dalle scolaresche. In questo contesto Bacchetta e Massetti hanno anticipato che sulla situazione di inquinamento di Belladanza verranno convocate le commissioni competenti alla presenza dei responsabili dell’Arpa Umbria per offrire ulteriori conferme e approfondimenti sulla reale situazione del sito.

 


Condividi questo contenuto

Privacy - Note legali - Accessibilità - Posta interna - Posta Elettronica Certificata - Contatta il Comune - Cookie Policy

Comune di Città di Castello - Piazza Gabriotti, 1 06012 Città di Castello (PG) - Telefono 07585291 Telefax 0758529216
Posta elettronica certificata (Pec) comune.cittadicastello@postacert.umbria.it
Codice Iban: IT 38 R 01030 21600 000002529803 (Monte dei Paschi di Siena S.p.A. Piazza Garibaldi - 06012 Città di Castello PG)

Il portale del Comune di Città di Castello (PG) è un progetto realizzato da Internet Soluzioni con la piattaforma ISWEB ® - Content Management Framework

- Inizio della pagina -
Il progetto Comune di Cittą di Castello (PG) č sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it