Home Page » Documentazione » Notizie dal Comune » lettura Notizie e Comunicati

Notizie dal Comune

"IN CAMMINO CON SANTA VERONICA GIULIANI": PRESENTATO STAMATTINA IL PELLEGRINAGGIO TRA CITTA' DI CASTELLO E MERCATELLO SUL METAURO TRA SPIRITUALITA', CULTURA, AMBIENTE, TURISMO E SPORT
Camnmino Santa Veronica
22.02.2019 -

 

“In cammino con Santa Veronica Giuliani” è il pellegrinaggio a piedi che unirà Città di Castello e Mercatello sul Metauro all’insegna dell’esempio e del messaggio di una delle figure più rappresentative della Chiesa, molto venerata nelle due comunità dell’Umbria e delle Marche protagoniste dell’iniziativa. Fede, storia, cultura, ambiente, turismo e anche sport, perché Santa Veronica Giuliani è patrona della scherma, convivranno idealmente lungo i 42 chilometri che separano le due città, nel cammino promosso dall’Associazione Le Rose di Gerico sotto l’egida della Diocesi di Città di Castello, con il patrocinio dei Comuni di Città di Castello e Mercatello sul Metauro, del Monastero di Santa Veronica Giuliani di Città di Castello, del Monastero Sacro Cuore di Mercatello sul Metauro, della Federazione Italiana Scherma e dell’Associazione Santa Veronica e Beata Margherita della Metola di Mercatello sul Metauro. Il pellegrinaggio, che avrà una durata compresa tra due e tre giorni e sarà inaugurato il 24 marzo con un primo cammino al quale seguirà la prima partenza garantita a disposizione dei pellegrini del 2 maggio, ripercorre il viaggio che la giovane Orsola Giuliani (suor Veronica) affrontò nel 1677 da Mercatello sul Metauro, suo paese natale, al Monastero delle Cappuccine di Città di Castello. Un itinerario concepito per meditare e vivere a contatto con la natura e con se stessi, nel quale i partecipanti, divisi in piccoli gruppi, saranno accompagnati da guide ambientali escursionistiche che garantiranno la sicurezza dei pellegrini e avranno il compito di promuovere la conoscenza dei luoghi di fede, della cultura e delle tradizioni popolari che caratterizzano un territorio poco conosciuto e tutto da scoprire, dove le rovine di antiche Chiese raccontano il loro passato e piccoli agriturismi e locande saranno luoghi di accoglienza e condivisione dove gustare prodotti tipici. “Questo pellegrinaggio è un invito a ripercorrere la spiritualità di Santa Veronica, a fare nostro il suo messaggio di ricerca perseverante dell’amore e di lotta contro le forze del male che è di straordinaria attualità ancora oggi, perché viene da una figura forte, capace di attirare grande attenzione su di sé e sul suo esempio anche con una vita consacrata alla clausura”, ha detto stamattina il vescovo di Città di Castello monsignor Domenico Cancian, presente insieme al parroco di Santa Maria delle Grazie don Andrea Czortek e al direttore del Centro Studi Santa Veronica Giuliani don Romano Piccinelli alla conferenza stampa organizzata nel monastero delle Clarisse Cappuccine di Santa Veronica Giuliani, al cospetto delle suore dell’ordine che hanno assistito all’incontro con i giornalisti dietro la grata che le separa dal mondo esterno. “Il desiderio di solitudine, di contatto con la natura, di raccoglimento in preghiera è insito in ognuno di noi e mettersi in viaggio per questo pellegrinaggio, al quale noi saremo vicine con le nostre preghiere, significa compiere un cammino di ricerca spirituale per scoprire il senso della vita e cogliere il senso dell’esistenza di Santa Veronica e anche della nostra”, ha affermato madre Giovanna a nome delle religiose del monastero. “Grazie a questa iniziativa Città di Castello e Mercatello sul Metauro hanno scoperto molti motivi di contatto, che il pellegrinaggio illustra bene sotto il profilo della spiritualità, della cultura, del turismo e dello sport, valorizzando le risorse ambientali e storiche di un territorio ricco di storia e di grande pregio naturalistico”, ha sottolineato il vice sindaco Michele Bettarelli, che è intervenuto alla conferenza stampa all’indomani della partecipazione alla presentazione dell’iniziativa che si è tenuta a Roma, nella sede della Federazione Italiana Scherma. “Un progetto molto significativo e un bel segnale, capace di avere un risvolto culturale e turistico molto importante per le nostre due realtà, che potranno avvicinarsi ulteriormente e intraprendere insieme iniziative in un territorio nel quale condividono esigenze e problematiche simili”, ha evidenziato il vice sindaco di Mercatello sul Metauro Luca Bernardini. “Il legame tra Santa Veronica e la scherma sottolinea una valenza sportiva del progetto che richiama l’attenzione sul nostro impegno per valorizzare questa disciplina, che abbiamo rilanciato nei mesi scorsi nei Centri Estivi Polisport e che ora sta trovando le condizioni per una pratica vera e propria, sotto l’egida della Federazione competente”, ha affermato l’assessore allo Sport Massimo Massetti. “Questo cammino mette insieme i grandi valori dello sport con i grandi valori della cristianità e rappresenta un contributo a promuovere una nuova cultura della pratica sportiva, nella quale la scherma, alla quale è legato il nome di Santa Veronica Giuliani, è certamente una delle discipline in grado di dare un contributo tra i più importanti”, ha detto il presidente del Coni umbro Domenico Ignozza nel benedire insieme al presidente del comitato umbro della Federazione Italiana Scherma Giovanni Marella l’impegno del maestro federale Roberto Di Matteo finalizzato a costituire a Città di Castello un’associazione per promuovere la pratica dell’arte della spada. “Siamo molto contenti che ci sia questa attenzione per la scherma, che viene esaltata da una figura importante come Santa Veronica Giuliani e che può trovare in questo territorio una promettente prospettiva di crescita”, ha detto Marella. Il pellegrinaggio partirà da Mercatello, dalla casa Natale di Orsola Giuliani, oggi Monastero del Sacro Cuore delle Sorelle Cappuccine, e attraverserà i luoghi più significativi che hanno fatto da testimoni al percorso verso la fede di Santa Veronica: dalla chiesa di San Francesco alla chiesa di Santa Croce, che conserva un simulacro di Cristo in cuoio policromo; dalla torre di Pallade alle rovine dell’antico borgo di Sant`Andrea in Corona; dall’Abbazia di San Benedetto di Scalocchio, recentemente restaurata, alla Chiesa della Madonna del Ponte; dalla Chiesa di Sant'Angelo di Botina, per secoli meta di pellegrinaggio per le reliquie miracolose dei Santi Martiri a Parnacciano; dalla piccola chiesa romanica di Santa Maria di Vallurbana, finita di restaurare nel 2018, alla Chiesa di Santa Felicita, importante sito della fede cristiana fin dal VI secolo; dalla Chiesa di Santa Maria d’Ara di Fiume alla Chiesa di San Michele Arcangelo e Sant’Eurosia di Userna, fino al Monastero delle Cappuccine di Santa Veronica Giuliani, dove è custodito il corpo della santa nell’urna sotto l’altare maggiore. “L’iniziativa è nata dal sogno di unire il monastero delle Cappuccine di Santa Veronica Giuliani di Città di Castello con il monastero delle Clarisse di Mercatello sul Metauro e il pellegrinaggio consentirà di sottolineare il messaggio della santa e valorizzare l’essenza di un cammino di fede, che è nel camminare lento, nella meditazione e nell’entrare in contatto con la natura, all’insegna della spiritualità, ma anche del turismo, con la riscoperta dei tesori storici, culturali e artistici del territorio, insieme alle sue tradizioni”, ha detto la presidente dell’Associazione Le Rose di Gerico Angelica Lombardo, presente insieme ad Alessandro Petrani, nel collegare idealmente l’itinerario del cammino a quello che conduce ad Assisi, sulle tracce di San Francesco. “Santa Veronica è idealmente il fiore che viene da San Francesco e quindi, come hanno pensato le suore alle quali dobbiamo il ringraziamento per il sostegno che ci hanno dato, il nostro cammino proseguirà verso le radici di questo legame, che sono ad Assisi”, ha sottolineato Lombardo. Chi fosse interessato a partecipare al pellegrinaggio può consultare il sito internet www.incamminoconsantaveronicagiuliani.it o contattare direttamente l’Associazione Le Rose di Gerico.

 


Condividi