Home Page » Documentazione » Notizie dal Comune » lettura Notizie e Comunicati

Notizie dal Comune

CONSIGLIO COMUNALE: DECLASSIFICAZIONI DI STRADE, SERVITU' E REGOLAMENTO DI IGIENE
CONSIGLIO
07.05.2019 -

                                                       
 
 
 
 
 Anno XXXVII n. 70 Martedì 7 maggio 2019

 

 

 

Servitù di passaggio e declassificazioni di strade al centro dei lavori del consiglio comunale di Città di Castello che si è riunito ieri, lunedì 6 maggio 2019, con le comunicazioni dei consiglieri e del rapporto semestrale sul controllo successivo di regolarità amministrativa, del report del secondo semestre 2018 e della deliberazione assunta dalla Sezione regionale di controllo per l’Umbria sul programma delle attività di controllo del 2019. Rimandato a lunedì prossimo 13 maggio 2019 l’esame del nuovo regolamento per l’affidamento dei contratti di gestione degli impianti sportivi comunali. Il consiglio comunale ha detto sì anche a due servitù di passaggio: la prima d’acquedotto sulla proprietà comunale per l’interconnessione irrigua delle reti comprensoriali dell’Alto Tevere con l’invaso di Montedoglio; è stata approvata a maggioranza con l’astensione delle minoranze; la seconda è di passaggio per consentire l’accesso alla pista ciclopedonale lungo il fiume Tevere attraverso l’abitato di Trestina ed ha ricevuto il via libera all’unanimità. Ritirata la declassificazione della strada vicinale denominata Della Villa in località Scalocchio, è stato invece declassificato a maggioranza il tratto di strada vicinale delle Cariole in località Grumale. In coda dell’ordine del giorno figuravano tre mozioni: il documento sulla carta dei servizi scolastici e di trasporto sarà discussa in commissione. Approvata all’unanimità invece la proposta, emendata nei tempi di realizzazione - da un mese a un anno - di modificare le norme integrative al regolamento di igiene: in particolare il consiglio comunale ha impegnato sindaco e giunta entro un anno a presentare un nuovo regolamento cittadino di igiene e sanità pubblica in commissione ed ad inserire nel testo che le industrie insalubri di prima classe, così come definite dalla norma, non possono essere ubicate a meno di cinquecento metri dalle abitazioni; che le industrie insalubri di prima classe, già presenti sul territorio del Comune, che non rispettino la distanza dei cinquecento metri dalle abitazioni, non potranno essere ampliate né in volumi né in potenzialità. Nel caso di nuovi insediamenti di industrie insalubri l’azienda deve garantire il mantenimento della principali matrici ambientali (acqua, aria, suolo), previa caratterizzazione da parte di Arpa Umbria che viene individuata come autorità competente allo svolgimento delle attività di vigilanza e controllo. La seduta si è chiusa, aggiornandosi alla settimana successiva quando, nel pomeriggio di lunedì 13 maggio, arriveranno all’esame dell’aula i punti non affrontati ed in particolare la mozione del capogruppo del gruppo Misto Gaetano Zucchini sulla salute e l’ordine del giorno del capogruppo della Sinistra Giovanni Procelli sulle agevolazioni per commercianti, artigiani e liberi professionisti che operano nel centro storico di Città di Castello. Inoltre ad occupare una porzione rilevante del dibattito sarà il rendiconto del bilancio 2018, che dovrà passare al vaglio delle forze politiche.

 

                                                       
 
 
 
 

 

                                                       

 

 

 

 

 


Condividi