Comune di Città di Castello (PG)

I 568 LIBRETTI DI MAL'ARIA DONATI AL COMUNE: PRESENTATA LA XVI MOSTRA DEL LIBERO E DELLA STAMPA ANTICA DI CITTA' DI CASTELLO

venerdì 24 novembre 2017
Ricerca assistita
Ricerca assistita
Mentre digiti nella casella di ricerca la funzione di completamento automatico ti offre diverse soluzioni di ricerca
Notizie dal Comune
Home Page » Documentazione » Notizie dal Comune » lettura Notizie e Comunicati
..
I 568 LIBRETTI DI MAL'ARIA DONATI AL COMUNE: PRESENTATA LA XVI MOSTRA DEL LIBERO E DELLA STAMPA ANTICA DI CITTA' DI CASTELLO
News
26-08-2016 -

 

 

 

 

In regalo dalla XVI Mostra del libro e della stampa antica, Città di Castello avrà la biblioteca dei 568 libretti di “Mal’aria”, pubblicati tra gli anni Sessanta e Novanta da Arrigo Bugiani, originale e apprezzata figura di operaio-scrittore-editore, che sarà uno dei protagonisti del programma collaterale della mostra 2016, in programma da venerdì 2 a domenica 4 settembre sotto il Loggiato Gildoni. Il figlio di Bugiani, il famoso neuropatologo Orso Bugiani, ha deciso di donare una copia della collezione completa, introvabile sul mercato e di valore economico notevole, al Comune “anche in virtù della mostra che, senza prescindere da autore e contenuto, si concentra sulla veste esterna del libro cartaceo e su come tale forma spesso sia stata anche sostanza del messaggio culturale affidato alla stampa” ha detto il vicesindaco e assessore alla Cultura Michele Bettarelli, presentando la manifestazione “che ha ormai conquistato un’eco internazionale, grazie alla sua anima collezionistica, che mette d’accordo lettori e librai, editori e bibliofili, oltre a ricollegarsi idealmente alla nostra industria tipografica”. Se infatti il Loggiato Gildoni non può accogliere più di 42 stands, gli operatori, pur di non perdere l’appuntamento tifernate, hanno diviso la postazione con i colleghi, in modo da ridurre lo spazio espositivo ma essere comunque presenti” ha detto Giancarlo Mezzetti, coordinatore scientifico della Mostra, aggiungendo che “se la tendenza si confermerà, dovremmo pensare ad una sistemazione che permetta di accogliere tutte le domande a cui da qualche anno, per motivi di spazio, siamo costretti a dire di no”. La qualità degli espositori per Mezzetti “è altissima: avranno appena un’ora, nel pomeriggio, per gli scambi tra addetti e poi via libera all’afflusso dei visitatori fin dal venerdì”. Un ricco programma di eventi collaterali anche quest’anno accompagnerà la Mostra: “Proseguiamo il filone dei padri della patria, con una conferenza sui Rossi di San Secondo di Parma, collegati per matrimonio ai Vitelli e della riscoperta di autori locali” ha dichiarato Fabio Nisi, presidente dell’Associazione Palazzo Vitelli a Sant’Egidio, soggetto organizzatore insieme al Comune. “Questa volta proporremmo i pregiati madrigali scritti nel Seicento dal tifernate Orazio Petrolini e la conferenza di bibliofila, che è ormai un classico per i nostri estimatori. Siamo molto soddisfatti dell’accoglienza della mostra, una delle iniziative principali su cui l’Associazione è impegnata”.  La donazione della biblioteca di Bugiani, definita “la più importante del Novecento” anticiperà di una settimana la Mostra vera e propria: il passaggio sarà infatti ufficializzato con un impegno reciproco di Orso Bugianti e del Comune questo pomeriggio, venerdì 26 agosto alle 17,00, a Palazzo Vitelli a Sant’Egidio, dove è stata allestita una selezione dei Libretti di Mal’aria e dove verrà presentato il volume di accompagnamento “La pazienza di Arrigo Bugiani.Un ritratto attraverso i libretti di Mal’aria”, curato da Simone Giusti e Mauro Papa. L’operazione è stata spiegata proprio da Giusti nei termini di “collegamento tra Città di Castello e Arrigo Bugiani, operaio dell’Ilva, scrittore, editore  dei 568 fogli di formato A4 stampati su carta di risulta o di scarto tipografico ripiegati in quattro in modo da formare otto paginette, ognuna delle quali contiene un testo o un disegno”. Diffusi periodicamente in 500 copie, vi scrissero importanti artisti del periodo come Manzù, Guttuso, Boccioni, Modigliani, Morandi, e importanti poeti dell’epoca come Ceronetti, Longanesi, Ungaretti, Montale. Sarà presente il figlio di Bugiani, Orso, e l’artista Maria Elisa Leboroni.

Programma. Nel dettaglio la XVI edizione della Mostra del Libro e della stampa antica di Città di Castello si aprirà ufficialmente sabato 3 settembre alle ore 10,00 sotto il Loggiato Gildoni, con il taglio del nastro ma già nel pomeriggio di venerdì 2 rimarrà aperta a pubblico ed operatori. Sarà anticipata dall’esposizione Arrigo Bugiani e i libretti di Mal’Aria, da stasera, venerdì 26 agosto ore 17.00 fino a domenica 4 settembre, presso Palazzo Vitelli a Sant’Egidio. La mostra proporrà numerose iniziative collaterali: sabato 3 settembre, alle ore 17,00 sempre a Palazzo sant’Egidio, si terrà la conferenza “La contea di San Secondo. I Rossi di San Secondo di Parma nel contesto politico, militare e religioso dal XII al XVI secolo. Il loro rapporto con i Vitelli”. Ne parleranno il sindaco Luciano Bacchetta, Giancarlo Mezzetti, coordinatore e responsabile scientifico della Mostra, Fabio Nisi, presidente dell’Associazione Palazzo Vitelli a Sant’Egidio, Pier Luigi Poldi Allaj, studioso del casato dei Rossi di San Secondo. Domenica 4 settembre alle ore 16.30 tornerà la conferenza sulla Bibliofila, argomento principe della mostra, in collaborazione con Alai, Giovanni Biancardi e Società Bibliografica Toscana; alle 17.15 la XVI edizione si chiuderà sotto il segno dell’Editoria musicale con Biancamaria Brumana, docente dell’Ateneo perugino, che parlerà dei madrigali tifernati per il Monastero Vallombrosano di Oselle, scritti dal tifernate Orazio Petrollini e della pubblicazione dedicata alla più rara delle composizioni, uno spartito risalente al 1613, contenente 17 madrigali per voci e clavicembalo, di cui esiste un’unica copia, conservata nella Biblioteca nazionale di Vienna. Parteciperà alla presentazione Francesco Salvestrini e Riccardo Ciliberti dell’Università di Firenze mentre Mario Cecchetti, direttore della Scuola di musica comunale, suonerà alcuni dei madrigali di Petrollini, a chiusura di tutta la manifestazione.   

(Allegate foto e brochure

 
Scarica allegato (4531 kb) File con estensione pdf
Scarica allegato (1100 kb) File con estensione pdf


Condividi questo contenuto

Privacy - Note legali - Accessibilità - Posta interna - Posta Elettronica Certificata - Contatta il Comune - Cookie Policy

Comune di Città di Castello - Piazza Gabriotti, 1 06012 Città di Castello (PG) - Telefono 07585291 Telefax 0758529216
Posta elettronica certificata (Pec) comune.cittadicastello@postacert.umbria.it
Codice Iban: IT 38 R 01030 21600 000002529803 (Monte dei Paschi di Siena S.p.A. Piazza Garibaldi - 06012 Città di Castello PG)

Il portale del Comune di Città di Castello (PG) è un progetto realizzato da Internet Soluzioni con la piattaforma ISWEB ® - Content Management Framework

- Inizio della pagina -
Il progetto Comune di Città di Castello (PG) è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it