Comune di Città di Castello (PG)

EX-FCU, RISCHIO SMANTELLAMENTO TRATTA ALTOTIBERINA DAL 1 OTTOBRE - INTERROGAZIONE DEL CAPOGRUPPO FDI, ANDREA LIGNANI MARCHESANI

giovedì 23 novembre 2017
Ricerca assistita
Ricerca assistita
Mentre digiti nella casella di ricerca la funzione di completamento automatico ti offre diverse soluzioni di ricerca
Notizie dal Comune
Home Page » Documentazione » Notizie dal Comune » lettura Notizie e Comunicati
..
EX-FCU, RISCHIO SMANTELLAMENTO TRATTA ALTOTIBERINA DAL 1 OTTOBRE - INTERROGAZIONE DEL CAPOGRUPPO FDI, ANDREA LIGNANI MARCHESANI
Comune Palazzo
29-09-2016 -

Rischio smantellamento della tratta altotiberina ex-Fcu: interrogazione del capogruppo Fdi, Andrea Lignani Marchesani. “La ferrovia a Città di Castello rischia di essere solo un pallido ricordo del passato; la conferma viene di fatto dall'Amministratore delegato di FS e dalla Regione Umbria che annunciano a breve il definitivo passaggio gestionale dell'ex FCU a RFI e il passaggio definitivo allo Stato nel 2022. E' previsto da un lato il potenziamento del trasporto alternativo su gomma e dall'altro una linea ferroviaria nazionale per Roma da Ponte San Giovanni che passerà per Todi e non per Foligno Spoleto. Tradotto in soldoni un potenziamento da Ponte San Giovanni a Terni ed uno smantellamento del ramo secco altotiberino.” E’ quanto evidenziato dal capogruppo consiliare di Fdi, Andrea Lignani Marchesani, in una una interrogazione al sindaco di Città di Castello, Luciano Bacchetta. “ Intanto dal 1 ottobre – precisa Lignani Marchesani - non sarà più l'USTIF (Ufficio Speciale Trasporti a impianti fissi) a certificare la sicurezza della linea ma la legittimamente più rigorosa Agenzia Nazionale per la Sicurezza ferroviaria con sede in Firenze che a breve renderà permanente il limite di velocità a 50 chilometri l'ora e il rallentamento o addirittura lo stop nei pressi dei passaggi a livello senza barriere. Un provvedimento che porterà a 30 minuti il tempo di percorrenza tra Città di Castello e Sansepolcro rendendolo impraticabile. La sintesi drammatica – conclude Andrea Lignani Marchesani - è che in pochi anni si è passati dai proclami sullo sfondamento ad Arezzo alla imminente chiusura con in più l'abbandono del territorio di un'azienda leader del settore ferroviario. Il Sindaco ha il dovere di mobilitarsi immediatamente presso l'Assessore regionale ai trasporti (del suo stesso partito) non solo per scongiurare la chiusura ma anche per la tutela dei lavoratori della ex FCU molti dei quali sono altotiberini.”

 


Condividi questo contenuto

Privacy - Note legali - Accessibilità - Posta interna - Posta Elettronica Certificata - Contatta il Comune - Cookie Policy

Comune di Città di Castello - Piazza Gabriotti, 1 06012 Città di Castello (PG) - Telefono 07585291 Telefax 0758529216
Posta elettronica certificata (Pec) comune.cittadicastello@postacert.umbria.it
Codice Iban: IT 38 R 01030 21600 000002529803 (Monte dei Paschi di Siena S.p.A. Piazza Garibaldi - 06012 Città di Castello PG)

Il portale del Comune di Città di Castello (PG) è un progetto realizzato da Internet Soluzioni con la piattaforma ISWEB ® - Content Management Framework

- Inizio della pagina -
Il progetto Comune di Città di Castello (PG) è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it