Comune di Città di Castello (PG)

TRUFFA AI DANNI DI INPS E COMUNE. "NECESSARIA INTEGRAZIONE TRA LE BANCHE DATI"

mercoledì 22 novembre 2017
Ricerca assistita
Ricerca assistita
Mentre digiti nella casella di ricerca la funzione di completamento automatico ti offre diverse soluzioni di ricerca
Notizie dal Comune
Home Page » Documentazione » Notizie dal Comune » lettura Notizie e Comunicati
..
TRUFFA AI DANNI DI INPS E COMUNE. "NECESSARIA INTEGRAZIONE TRA LE BANCHE DATI"
News
05-10-2016 -

Nel giugno scorso sono stati denunciati 14 extracomunitari tutti di origine magrebina  con gravi ipotesi di reato, dalla truffa a falso ideologico e materiale, ma beneficiari di contributi pubblici: “come mai il Comune non ha mai controllato così da evitare danni erariali e assegnazioni economiche improprie?” chiede in un’interrogazione il capogruppo di Forza Italia Cesare Sassolini, alla quale ha risposto il sindaco Luciano Bacchetta ha risposto precisando che “il comune, avendo compiuto tutto quanto in suo potere, è una vittima del reato dal momento che hanno prodotto documenti previdenziali alterati. Sulla residenza, le Amministrazioni locali non hanno margini di discrezionalità e, accertata l’identità dal passaporto, verificato il possesso della carta di soggiorno, controllato che abiti veramente dove dice, ha le mani legate. Con i soggetti, coinvolti nell’indagine, in corso e quindi riservata in molti aspetti, abbiamo proceduto alle verifiche di legge”. Rispetto ad un elemento cruciale su cui il consigliere di opposizione chiedeva chiarezza, la regolarità dell’attività commerciale per la somministrazione di carni, coinvolta nella vicenda, il sindaco ha precisato che “aperta nel 2008, è stata oggetto di controlli su autocertificazioni e requisiti a più riprese, una delle quali ha portato all’emissione di un’ordinanza, poi revocata per adeguamento alle prescrizioni”. “Quanto ai servizi sociali” ha concluso Bacchetta “soltanto uno dei coinvolti ha avuto rapporti con le strutture del comune in un progetto, anche di assegnazioni economiche, motivato dalla presenza dei minori. Anche questo caso dimostra la necessità di una integrazione delle banche dati: il vero interrogativo della vicenda è come siano riusciti a truffare tanti enti pubblici prima che l’illecito emergesse”. “Il Comune e i cittadini sono la parte lesa” ha risposto Sassolini “bisogna fare di più e sono contento che il sindaco lo abbia riconosciuto”.

 

 


Condividi questo contenuto

Privacy - Note legali - Accessibilità - Posta interna - Posta Elettronica Certificata - Contatta il Comune - Cookie Policy

Comune di Città di Castello - Piazza Gabriotti, 1 06012 Città di Castello (PG) - Telefono 07585291 Telefax 0758529216
Posta elettronica certificata (Pec) comune.cittadicastello@postacert.umbria.it
Codice Iban: IT 38 R 01030 21600 000002529803 (Monte dei Paschi di Siena S.p.A. Piazza Garibaldi - 06012 Città di Castello PG)

Il portale del Comune di Città di Castello (PG) è un progetto realizzato da Internet Soluzioni con la piattaforma ISWEB ® - Content Management Framework

- Inizio della pagina -
Il progetto Comune di Città di Castello (PG) è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it