Comune di Cittą di Castello (PG)

APPROVATO A MAGGIORANZA L'ASSESTAMENTO DI BILANCIO

sabato 25 novembre 2017
Ricerca assistita
Ricerca assistita
Mentre digiti nella casella di ricerca la funzione di completamento automatico ti offre diverse soluzioni di ricerca
Notizie dal Comune
Home Page » Documentazione » Notizie dal Comune » lettura Notizie e Comunicati
..
APPROVATO A MAGGIORANZA L'ASSESTAMENTO DI BILANCIO
Archivio
02-12-2016 -

 

Approvato l’assestamento di bilancio del comune di Città di Castello con i 14 voti favorevoli di Pd, Psi, La Sinistra e il voto contrario di Fratelli d’Italia, Forza Italia, Castello Cambia, Movimento Cinque Stelle, Lega Nord. All’esame anche l’aggiornamento al Dup, il documento unico di Programmazione, passato con lo stesso esito. Proprio su questo atto l’assessore al Bilancio di Città di Castello Michele Bettarelli  ha fatto alcune precisazioni su un rilievo del capogruppo di Tiferno Insieme Nicola Morini: “la cifra di 4883, fornita dalla Camera di Commercio, è corretta così come il numero di 4052, che proviene dalla stessa fonte, perché l’una è riferito alle unità locali attive e l’altro alle imprese. I commenti a tali dati sono pertinenti anche se uguali al Dup precedenti: l’occupazione è calata, le zone industriali si sono svuotate e l’amministrazione ha attivato politiche proattive come il Masterplan”. Sull’assestamento Bettarelli ha parlato “di variazioni sul fronte delle entrate e delle uscite: alcune operazioni non sono arrivate a compimento mentre in altri casi sono necessari finanziamenti per progetti da realizzare nell’esercizio che rimane. Il bilancio è solido: questo è il dato fondamentale guardando il panorama italiano e limitrofo. Il nostro Fondo di riserva è di 85mila euro, mentre la capienza del fondo per crediti difficilmente esigibili è stata aumentata fino a un milione e 35mila euro. La variazione complessiva netta negativa è di 241mila euro per incrementi di entrata per 314 mila euro e diminuzioni di entrata per 555mila euro. A pareggio una variazione di uscite netta negativa 241 mila euro: 537mila  incrementi spesa e 779 riduzioni di spesa. Un ragionamento avviato in commissione è relativo alle spese legate al personale, che si riducono di 145mila euro grazie alle politiche di ottimizzazione della risorsa umana. Fino a quando si riuscirà a risparmiare è invece un tema all’ordine del giorno. Nei documenti allegati al bilancio ravvisiamo altri elementi significativi come la stabilizzazione di 5 educatori dell’infanzia. Dove si aprono finestre per togliere precarietà, il comune le ha colte. Infine segnalo la variazione sul piano pluriennale per l’anticipazione degli interventi per 145mila euro nel Centro Madonna del Latte, dove sarà ricavata una mensa sociale, e lo spostamento di parte dei lavori del cimitero monumentale al 2018. I soldi ci sono ma non possiamo spenderli subito a causa del Patto di Stabilità”. 

Il dibattito. Sulla precisazione al Dup, Marco Gasperi, capogruppo del Movimento Cinque Stelle, ha dichiarato “l’avete detto voi che c’era un refuso non Morini. Diamo a Cesare quel che è di Cesare e a Morini quello che è di Morini”. “La relazione dell’assessore è stata precisa sulla variazione di bilancio 2016-2018 e l’aggiornamento del Dup. I documenti parlano chiaro” ha detto Vittorio Morani, capogruppo de Psi, “nonostante il calo dei trasferimenti di Regione e Stato, abbiamo mantenuto gli equilibri di bilancio. E questo è segno di competenza e serietà. Il comune è riuscito a mantenere inalterati tutti i servizi a famiglie disabili, anziani. Non è scontato, altrove non è accaduto. Questa variazione di bilancio rispecchia il bilancio previsionale con scostamenti fisiologici. Diamo un parere positivo”. Giovanni Procelli, capogruppo di La Sinistra, ha definito l’assestamento “il proseguimento del bilancio previsionale. Ho visto con soddisfazione che è stata inserita la struttura del Centro Madonna del Latte, una mensa sociale nella quale troveranno un punto di riferimento tante persone con difficoltà economiche ed umane. Non è stata una variazione notevole per gli importi ma dal punto di visto politico è molto rilevante. Di questo ringrazio la Giunta. Approveremo il bilancio”. Anche Andrea Lignani Marchesani, capogruppo di Fratelli d’Italia, ha anteposto “una questione procedurale sulla vicenda Morini: è stata l’amministrazione a parlare di refuso. Questo significa che in certe situazioni è meglio passare per la commissione e non esporsi a fraintendimenti. Ci sono scostamenti per scelte diverse intervenute di recente. Essendo stato elettorale, l’ultimo bilancio ha previsto situazione di spesa maggiori che hanno determinato un aggiustamento in negativo, compensato con attingenti dagli avanzi di amministrazione. Ci sono minori spese per i trasporti scolastici non perché aumentano gli utenti delle mense ma perché ci sono meno collegamenti. La gestione del cimitero monumentale andrebbe rivista. Non si può continuare a fare furbate: invitando i cittadini a trasformare le concessioni perpetue in trentennali e per giunta pagandoci una tassa sopra. Il vero bilancio è il penultimo della scorsa legislatura, quello del 2015: in quella fase le forze di opposizione forse avrebbero dovuto votare contro e non astenersi”. Vincenzo Bucci, consigliere di Castello Cambia, ha definito “troppo a ridosso una commissione, convocata un’ora prima del consiglio. Ci vogliono almeno due o tre giorni di pausa. L’assestamento è un orizzonte provvisorio rispetto alle scelte di governo, che appaiono nel consuntivo. In quella sede verificheremo. Alla mia domanda sulla Mostra del Cavallo, noto che oggi la Giunta ha determinato il contributo su l’assessore Bettarelli appena ieri (lunedì 29 novembre) non sapeva nulla di certo”. Massimo Minciotti, presidente della Commissione Programmazione e consigliere del Pd, ha detto che “dalla relazione si evince che il bilancio rispecchia gli equilibri, come dicono anche i revisori dei conti. Date le difficoltà del momento non è facile. Per la parte corrente, è un bilancio reale che si avvicina quasi al rendiconto. I tributi li reputo sotto controllo con qualche previsione errata che in futuro credo potrà essere più contenuta. Importante è la dismissione per quasi 20mila euro della quota di Ponti Engineering, così come gli 85mila euro del Fondo di Riserva e fondo per crediti di dubbia esigibilità per un milione di euro. Per quanto riguarda la parte in conto capitale, reputo positivamente l’anticipazione dei lavori al centro Madonna del Latte a discapito del cimitero, perché il partenariato con le associazioni è fondamentale e per la natura dell’intervento. Il Pd approverà la variazione di bilancio e Dup”.

La replica dell’Amministrazione. Il sindaco Luciano Bacchetta ha detto che “l’assestamento è figlio del bilancio precedente ma non è un bilancio elettorale. Le manovre devono fare i conti con margini sempre più stretti. Alcune operazioni, come quella citata da Lignani del cimitero monumentale, non sono state rinviate ma posposte di qualche mese. Porremo molta attenzione alla manutenzione e alla gestione. Gli obiettivi della scorsa legislatura li abbiamo raggiunti tutti: credo che raggiungeremo anche quelli dell’attuale legislatura, anche se ci sono emergenze nuove. Abbiamo prodotto uno sforzo immenso rispetto all’edilizia scolastica: siamo intervenuti su otto scuole ma questo non basta. Il terremoto di Norcia ha determinato un allarme sociale particolare. Dovremmo rivisitare alcune progettazioni ad esempio nella scuola Dante Alighieri a discapito di altre prospettive, forse più accattivanti per l’immagine della città. Auspichiamo che il governo mantenga le promesse e tolga le spese dell’edilizia scolastica dal Patto di stabilità. Alcune delle grandi scelte, come Piazza Burri, spero che esulino dai nostri bilanci anche perché ci sono delle novità impossibili da ignorare. Il 2017 sarà l’anno della nuova caserma dei Carabinieri: la sicurezza non necessita di più divise o più armi ma di strutture per fare lavorare bene le risorse. Le buste per l’aggiudicazione dei lavori di Piazza dell’Archeologia sono state aperte oggi: con questa opera aggiungeremo un altro tassello essenziale al recupero del centro storico, anche se rimane sullo sfondo la questione dell’ex ospedale. Infine guardiamoci intorno: dalla comparazione emerge la serietà e l’oculatezza di questa amministrazione. Città di Castello è più avanti di altre città e ha retto la crisi meglio di altre città. Ma la ripresa deve accompagnarsi alla occupazione altrimenti non è”. “Rispetto al Dup i chiarimenti erano doverosi” ha detto l’assessore Bettarelli “mi prendo l’impegno di produrre gli atti in tempo per un passaggio in commissione. Sul bilancio non c’è nulla da nascondere perché tutti gli atti di spesa sono in trasparenza. Approfondirò la vicenda delle concessioni del cimitero monumentale”. 

 


Condividi questo contenuto

Privacy - Note legali - Accessibilità - Posta interna - Posta Elettronica Certificata - Contatta il Comune - Cookie Policy

Comune di Città di Castello - Piazza Gabriotti, 1 06012 Città di Castello (PG) - Telefono 07585291 Telefax 0758529216
Posta elettronica certificata (Pec) comune.cittadicastello@postacert.umbria.it
Codice Iban: IT 38 R 01030 21600 000002529803 (Monte dei Paschi di Siena S.p.A. Piazza Garibaldi - 06012 Città di Castello PG)

Il portale del Comune di Città di Castello (PG) è un progetto realizzato da Internet Soluzioni con la piattaforma ISWEB ® - Content Management Framework

- Inizio della pagina -
Il progetto Comune di Cittą di Castello (PG) č sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it