Comune di Città di Castello (PG)

FESTIVAL NAZIONI: DIBATTITO SULLA LETTERA APERTA DI CASTELLO CAMBIA

venerdì 17 novembre 2017
Ricerca assistita
Ricerca assistita
Mentre digiti nella casella di ricerca la funzione di completamento automatico ti offre diverse soluzioni di ricerca
Notizie dal Comune
Home Page » Documentazione » Notizie dal Comune » lettura Notizie e Comunicati
..
FESTIVAL NAZIONI: DIBATTITO SULLA LETTERA APERTA DI CASTELLO CAMBIA
Comune Palazzo
21-01-2017 -


 

Il sindaco di Città di Castello Luciano Bacchetta nelle comunicazioni ha proposto all’aula la lettera aperta del gruppo Castello Cambia su rinnovo e futuro del Festival delle Nazioni “perché un controesempio, esemplificativo di come dovrebbe cambiare il modus operandi del consiglio comunale, per iniziare a lavorare in un clima meno turbolento e più fruttuoso, attraverso un confronto duro ma corretto e con una cognizione di causa che a volte non c’è.
Che dice la lettera aperta. Nel documento, in sintesi, Castello Cambia ribadisce le sue posizioni, sostenendo che il rinnovo dei componenti di nomina comunale del Consiglio del Festival a scadenza di legislatura è stato illegittimo e che i consiglieri riconfermati dal Comune non abbiano rispettato il patto stretto con il sindaco di dimettersi subito dopo. Chiede una verifica sulla correttezza delle procedure alla segreteria generale del Comune, invita i parlamentari a vigilare e le associazioni culturali ad esprimersi in merito.
Il dibattito. “Se c’è una cosa illegittima è dire che è illegittimo che il sindaco faccia le nomine” ha aggiunto dichiarato Bacchetta “Il Comune ha attivato tutte le procedure previste dalle legge e ha riconfermato i quattro suoi rappresentanti, nel rispetto rigoroso di ogni norma. Altra cosa è il merito politico: ho esercitato una moral suasion sui soci privati per un avvicendamento, per altro avvenuto in questi giorni. Se questa è la risposta alla domanda di Castello Cambia, gli attacchi personali e i toni pesantissimi contenuti nel documento sono del tutto gratuiti - ha detto il sindaco -  Questo sistema non può continuare: siamo fuori dalla buona creanza: il risultato elettorale non si recupera con tale aggressività. La legittimità della procedura era verificabile con una semplice istanza alla segreteria del sindaco; invece, come sempre, si è preferito alzare un polverone su un elemento che non esiste: perché le procedure sono state rispettate. Qualche contromisura, non sul piano politico, va presa. Per la tutela personale politica e morale attacchi indegni meritano risposte molto chiare. Il capogruppo Colombo è stato anche candidato sindaco e risponde politicamente degli atti del suo gruppo”. “Questa lettera aperta non ci sarebbe stata se il sindaco avesse avuto l’educazione di rispondere alla precedenti” ha risposto Vincenzo Bucci, consigliere di Castello Cambia.”Lei per primo ha rilasciato giudizi pensanti verso chi aveva nominato. Io non avrei accettato i toni da lei usati verso un giornalista di Rai 3 e un ex senatore e sindaco della città. Reputo censurabile anche che la Provincia non abbia nominato e la comunità montana in liquidazione sì. Se la strada scelta dal sindaco è di denunciare Castello Cambia faccia pure, risponderemo con la stessa moneta. Noi pensavamo di affrontare la cosa in termini politici ma se diventano materia per la magistratura, allora varrà per tutti gli argomenti”. Andrea Lignani Marchesani, capogruppo di Fratelli d’Italia, ha sostenuto che “la proroga non fosse l’unica opzione, potevano essere confermati o non confermati. Nominare a ridosso delle elezioni si presta a strumentalizzazioni. Sul presidente vorrei fare una riflessione: uno come Giubilei va sostituito con un alternativa dello stesso peso. Ha trovato sponsor e risorse ma questi inserzionisti non hanno rinnovato perché il Festival non da ritorno di immagine. Mi soffermerei più sul programma provvisorio in cui manca un evento top sulla 50° edizione. E’ giusto investire in futuro? Con la magistratura infine non ci si deve mai avere a che fare”. Cesare Sassolini, capogruppo di Forza Italia, rimarcando che il Festival non funziona, ha criticato il sindaco per aver “anticipato un argomento del consiglio. Questo metodo premia chi alza più il tiro. Inoltre finora il patto non scritto è stato no querele. Se il sindaco ha deciso di cambiare le regole del gioco, dobbiamo saperlo. Lei minaccia velatamente di passare ai fatti: deve specificare quali sono. C’è ancora libertà di espressione? Subiamo Charlie Hedbo, possiamo resistere anche agli improperi di Colombo e Bucci”. “Io non ho parlato di magistratura quando il problema è solo politico” ha replicato il sindaco “Le procedure sono regolari”.
 

 


Condividi questo contenuto

Privacy - Note legali - Accessibilità - Posta interna - Posta Elettronica Certificata - Contatta il Comune - Cookie Policy

Comune di Città di Castello - Piazza Gabriotti, 1 06012 Città di Castello (PG) - Telefono 07585291 Telefax 0758529216
Posta elettronica certificata (Pec) comune.cittadicastello@postacert.umbria.it
Codice Iban: IT 38 R 01030 21600 000002529803 (Monte dei Paschi di Siena S.p.A. Piazza Garibaldi - 06012 Città di Castello PG)

Il portale del Comune di Città di Castello (PG) è un progetto realizzato da Internet Soluzioni con la piattaforma ISWEB ® - Content Management Framework

- Inizio della pagina -
Il progetto Comune di Città di Castello (PG) è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it