Comune di Città di Castello (PG)

LINEA EX-FCU E RISORSE PER RIPRISTINO TRATTO CITTA' DI CASTELLO-UMBERTIDE - INTERPELLANZA LIGNANI MARCHESANI(Fd) E SASSOLINI (Fi)

giovedì 23 novembre 2017
Ricerca assistita
Ricerca assistita
Mentre digiti nella casella di ricerca la funzione di completamento automatico ti offre diverse soluzioni di ricerca
Notizie dal Comune
Home Page » Documentazione » Notizie dal Comune » lettura Notizie e Comunicati
..
LINEA EX-FCU E RISORSE PER RIPRISTINO TRATTO CITTA' DI CASTELLO-UMBERTIDE - INTERPELLANZA LIGNANI MARCHESANI(Fd) E SASSOLINI (Fi)
Comune Palazzo
15-02-2017 -

“Il sindaco si attivi per una più equa distribuzione dei 51 milioni destinati alla linea ex FCU; solo 7 milioni per il ripristino della Città di Castello - Umbertide e nuovi disagi per i pendolari tifernati”. Lo chiedono con una interpellanza i consieglieri comunali, Andrea Lignani Marchesani (Fdi) e Cesare Sassolinini (Forza Italia). “51 milioni stanziati dal CIPE destinati alla linea ex FCU per lavori che potrebbero durare fino a 4 anni sono palliativi che difficilmente risolleveranno una ferrovia in stato comatoso. Si tratta infatti di interventi tampone non organici che presupporranno nuove rottura di carico e nuovi disagi per i pendolari. Sembra certo  che solo 7 milioni verranno destinati al ripristino della Città di Castello - Umbertide mentre il Ministro Del Rio in una risposta ad un'interrogazione parlamentare dello scorso novembre ha sottolineato che questi fondi saranno  destinati solo a 50 chilometri di linea mentre  verranno privilegiati interventi sul sistema di controllo marcia e su sistemi di segnalazioni e comunicazioni.” Di questi giorni poi la notizia della chiusura del tratto Ponte San Giovanni - Sant'Anna – proseguono Lignani e Sassolini - che provocherà, con un'ulteriore rottura di carico,  nuovi disagi e ritardi per i pendolari tifernati ed altotiberini diretti nel capoluogo.” Nell'interpellanza depositata in data odierna chiedono “al sindaco di attivarsi per una più congrua somma da destinare al tratto nord della Ferrovia e per avere una tempistica certa sul ripristino; non è infatti accettabile che vengano spesi soldi, tra l'altro con risorse regionali , per il raddoppio e l'elettrificazione del tratto Ponte San Giovanni - Sant'Anna in quanto lavori assolutamente inutili.” “Vanno invece accelerati al massimo i tempi di ripristino e garantire una totale fruibilità della linea che magari consenta l'utilizzo dei Minuetti , oggi vergognosamente parcheggiati ad Umbertide, nel tratto Sansepolcro - Ponte San Giovanni. Meglio chiudere per qualche mese l'intera linea e riavere  in tempi brevi un servizio accettabile che continuare con lavori a macchia di leopardo che comportano chiusure di tratti che rendono fortemente non competitivo il servizio.” A meno che – concludono Lignani e Sassolini - non si voglia dolosamente perseguire una linea di azione tesa definitivamente a chiudere il trasporto su ferro in Valtiberina.”

 


Condividi questo contenuto

Privacy - Note legali - Accessibilità - Posta interna - Posta Elettronica Certificata - Contatta il Comune - Cookie Policy

Comune di Città di Castello - Piazza Gabriotti, 1 06012 Città di Castello (PG) - Telefono 07585291 Telefax 0758529216
Posta elettronica certificata (Pec) comune.cittadicastello@postacert.umbria.it
Codice Iban: IT 38 R 01030 21600 000002529803 (Monte dei Paschi di Siena S.p.A. Piazza Garibaldi - 06012 Città di Castello PG)

Il portale del Comune di Città di Castello (PG) è un progetto realizzato da Internet Soluzioni con la piattaforma ISWEB ® - Content Management Framework

- Inizio della pagina -
Il progetto Comune di Città di Castello (PG) è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it