Comune di Cittą di Castello (PG)

CONSIGLIO COMUNALE: ESORDIO DI GASPERI, POLEMICA ARCALENI-BACCHETTA, FRANCHETTI ED EX OSPEDALE NELLE COMUNICAZIONI

sabato 25 novembre 2017
Ricerca assistita
Ricerca assistita
Mentre digiti nella casella di ricerca la funzione di completamento automatico ti offre diverse soluzioni di ricerca
Notizie dal Comune
Home Page » Documentazione » Notizie dal Comune » lettura Notizie e Comunicati
..
CONSIGLIO COMUNALE: ESORDIO DI GASPERI, POLEMICA ARCALENI-BACCHETTA, FRANCHETTI ED EX OSPEDALE NELLE COMUNICAZIONI
Documento
04-04-2017 -

 

 

Esordio Gasperi. Quasi istantaneo, appena il tempo dell’appello, l’esordio del vicepresidente Marco Gasperi, capogruppo del M5 Stelle alla guida del consiglio comunale di Città di Castello per l’assenza giustificata del titolare Vincenzo Tofanelli, che è arrivato pochi minuti dopo l’avvio della seduta. Così si è aperta l’assemblea tifernate, riconvocata a 4 giorni dall’approvazione del bilancio di previsione.

Botta e risposta Arcaleni-Bacchetta. In quella sede, il sindaco Luciano Bacchetta aveva espresso un giudizio non positivo sull’operato come vicepresidente del Centro delle Pari Opportunità della Regione Umbria della neoconsigliera di Castello Cambia Emanuela Arcaleni, che nelle comunicazioni, ieri, lunedì 3 aprile, ha voluto replicare, fornendo alcuni dati sull’organismo, durante il suo mandato: “Dal 2012 al 2015 il Telefono Donna è passato dalle 12 alle 24 ore; in questo periodo sono stati aperti i primi due centri di accoglienza, è nata la rete regionale, 1000 sono stati i colloqui, tanti i seminari, i corsi di formazioni del centro, premi per tesi di laurea e biblioteca, decine i protocolli di intesa, come dovrebbe sapere il sindaco dato che nel 2015 questo comune ne ha firmato uno per l’apertura dal centro d’ascolto. Rispedisco al mittente l’attacco e deposito il Cud con i circa 150 euro l’anno di emolumento percepiti in quegli anni, soprattutto per le missioni a Roma nell’ambito della legge per le preferenze di genere, grazie alla quale in questo consiglio comunale ci sono 9 donne”. “Nulla di personale verso di lei - ha aggiunto il sindaco - ma i salvatori della patria che spiegano al mondo come fare non mi appartengono. Qui siamo tutti uguali, nessuno dà lezioni. Se era solo un’impressione, ne prendo atto con grande piacere”.

Ricorrenze. Michele Bettarelli, vicesindaco e assessore alla Cultura, ha ricordato al consiglio che “ Venerdì 7 aprile l’Amministrazione renderà omaggio ai 70 anni del maestro Salvatore Sciarrino, conferendogli il titolo di Ambasciatore di Città di Castello nel mondo. Rispetto al Centenario Franchettiano, dovremmo riuscire a sistemare la tomba dei baroni nel cimitero acattolico di Roma” ha annunciato, dopo un incontro con la direttrice, “potremmo organizzare una visita alla sepoltura come consiglio comunale”. “I Franchetti sono una famiglia tutt’altro che estinta, potrebbero provvedere loro al restauro della tomba. Il Centenario è un momento più celebrativo che operativo”.

Discriminazioni e terremotati. Nicola Morini, capogruppo di Tiferno Insieme, ha annunciato di aver sottoscritto insieme alla collega Luigina Flamini e al capogruppo di Fratelli d’Italia, Andrea Lignani Marchesani, un documento in cui si chiede di riportare in commissione l’Atto 15 bis del Consiglio regionale dell’Umbria, relativo "Norme contro le discriminazioni e le violenze determinate dall'orientamento sessuale e dall'identità di genere". L’iniziativa è stata sottoscritta da altri consiglieri comunali, “perché anche dai territori si può mostrare contrarietà” ha spiegato Morini “Un nasce per essere discriminatori ma discrimina chi pensa che il genere non può essere determinato dall’individuo. Chi, come me, insegna questa verità nelle scuola può essere tacciato di discriminazione. Inoltre vogliamo che i 50 mila euro della legge per le associazioni LGBT sia destinati in favore dei terremotati dell'Umbria”. Lignani ha spiegato: “E’una legge manifesto. Nella prima redazione compariva anche la certificazione gay friendly per le aziende”.  

Ex ospedale. Domani, mercoledì 5 aprile il Comune è stato convocato a Perugia per parlare dell’ex ospedale in commissione. Lo ha annunciato il sindaco Luciano Bacchetta, riconoscendo che, anche grazie al lavoro del consigliere regionale Valerio Mancini, “La Regione ha preso coscienza che è proprietaria dell’immobile e che non esistono scorciatoie. Con il completamento dell’area ex Fat, in quell’area rimane solo il vulnus dell’ospedale. Ci sono presenze di grande valore che sarebbero penalizzate dal permanere del degrado della vecchia struttura ospedaliera. L’empasse deve essere superato anche perché ci sono progetti e manifestazione di interesse importanti sulla struttura”.

Rossi all’Auri, torna Gattini. Il sindaco ha anche comunicato che “Dal 1 aprile il vicesegretario Giuseppe Rossi è stato distaccato all’Auri. Lo dico per trasparenza e soddisfazione, dato che è stato premiato un dirigente di questo comune. Ma c’è anche rammarico perché perdiamo per almeno tre anni, un dirigente di grande valore professionale ed umano. In contemporanea il 5 aprile rientrerà Paolo Gattini, distaccato all’Ati2, dietro richiesta esplicita del comune. Si occuperà di Lavori pubblici Ambiente e Patrimonio”.

 


Condividi questo contenuto

Privacy - Note legali - Accessibilità - Posta interna - Posta Elettronica Certificata - Contatta il Comune - Cookie Policy

Comune di Città di Castello - Piazza Gabriotti, 1 06012 Città di Castello (PG) - Telefono 07585291 Telefax 0758529216
Posta elettronica certificata (Pec) comune.cittadicastello@postacert.umbria.it
Codice Iban: IT 38 R 01030 21600 000002529803 (Monte dei Paschi di Siena S.p.A. Piazza Garibaldi - 06012 Città di Castello PG)

Il portale del Comune di Città di Castello (PG) è un progetto realizzato da Internet Soluzioni con la piattaforma ISWEB ® - Content Management Framework

- Inizio della pagina -
Il progetto Comune di Cittą di Castello (PG) č sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it