Comune di Città di Castello (PG)

LA GESTIONE DI POLISPORT IN COMMISSIONE CONTROLLO E GARANZIA. BACCHETTA: "AL LAVORO PER L'INCORPORAZIONE IN SOGEPU"

martedì 21 novembre 2017
Ricerca assistita
Ricerca assistita
Mentre digiti nella casella di ricerca la funzione di completamento automatico ti offre diverse soluzioni di ricerca
Comune di Città di Castello

Comune di Città di Castello
Piazza Gabriotti 1, 06012 Città di Castello (PG)
Partiva IVA: 00372420547
PEC comune.cittadicastello@postacert.umbria.it

..
Notizie dal Comune
Home Page » Documentazione » Notizie dal Comune » lettura Notizie e Comunicati
..
LA GESTIONE DI POLISPORT IN COMMISSIONE CONTROLLO E GARANZIA. BACCHETTA: "AL LAVORO PER L'INCORPORAZIONE IN SOGEPU"
Comune Palazzo
29-04-2017 -

 

“Il nostro obiettivo è mantenere i servizi e tutelare i dipendenti di Polisport, per questo stiamo lavorando all’ipotesi di incorporazione della società in Sogepu, un’operazione complessa dal punto di vista procedurale e normativo che porteremo avanti garantendo il pieno coinvolgimento del consiglio comunale”. Lo ha dichiarato il sindaco Luciano Bacchetta tirando le somme del dibattito su Polisport nella seduta di ieri della commissione Controllo e Garanzia, convocata dal presidente Riccardo Augusto Marchetti su istanza dei consiglieri Vincenzo Bucci (Castello Cambia) e Nicola Morini (Tiferno Insieme). La riunione, alla quale hanno partecipato l’assessore allo Sport Massimo Massetti, l’assessore al Bilancio Michele Bettarelli, il vice segretario comunale Giuseppe Rossi e una delegazione di Polisport guidata dal presidente Angelo Monaldi, ha permesso di condurre una ricognizione sulla situazione gestionale della società, con particolare riferimento al bilancio 2016, che chiuderà in utile, e alla riscossione dei crediti con le società sportive per l’utilizzo degli impianti, che è già partita con i versamenti da parte dei sodalizi interessati delle somme previste, anche sulla base di piani di rateizzazione degli importi. “L’amministrazione comunale ha interesse che tutti i crediti siano recuperati e che la situazione sia regolarizzata, per cui i tentativi di recupero verranno portati avanti su tutte le somme finora non versate, indipendentemente dal loro importo”, ha chiarito l’assessore Massetti, che ha ricondotto alla complicata situazione economica degli ultimi anni le difficoltà delle società sportive a onorare gli impegni nei confronti di Polisport, dopo che a partire dal 2008-2009 l’amministrazione comunale ha cessato di corrispondere contributi ai diversi sodalizi per il sostegno delle spese di utilizzo degli impianti.

Dibattito. La discussione si è articolata nel solco delle questioni sollevate dai consiglieri Vincenzo Bucci (Castello Cambia) e Nicola Morini (Tiferno Insieme) con l’istanza di convocazione della commissione. “Vogliamo sapere se è stato redatto e approvato il bilancio 2016 di Polisport, se la società si è adeguata alla normativa sulla trasparenza e ha predisposto il piano anticorruzione”, ha sottolineato Bucci, che ha chiesto conto della situazione legata ai crediti per oltre 400 mila euro con le società sportive, dell’esistenza o meno di possibili conflitti di interesse tra la società e l’amministrazione comunale nella passata e nell’attuale legislatura, “dato che i revisori dei conti non hanno più dichiarato nulla in merito nella relazione sul bilancio 2015, a differenza di quanto avvenuto fino al 2011”. “La  commissione Controllo e Garanzia dovrebbe arrivare a dare giudizio politico sulla gestione di Polisport dal 2000 ad oggi, con particolare riferimento alla rispondenza ai criteri di efficacia, efficienza, economicità e trasparenza”, ha detto Morini, che ha chiesto conto dell’esistenza o meno di “un piano per onorare tutti i debiti di Pollisport che nel 2015 ammontavano a 1 milione 600 mila euro”; della gestione della convenzione per lo stadio comunale con il Città di Castello Group, soprattutto per il versamento da parte del Comune del contributo previsto di 63 mila euro in presenza del mancato rispetto del pagamento delle tariffe a Polisport; dell’eventuale utilizzo del PalaIoan da parte di società pallavolistiche senza convenzione e della politica del personale adottata negli ultimi due anni per quanto attiene la stipula di eventuali contratti a tempo indeterminato. Al consigliere del Psi Vittorio Morani, che ha espresso “piena fiducia nell’operato degli amministratori di Polisport”, ha fatto eco il consigliere Luciano Tavernelli (Pd), che insieme al consigliere Ursula Masciarri (Psi) ha difeso l’azione della maggioranza, “improntata alla massima disponibilità e trasparenza” e ha ricordato nel proprio intervento come la proposta del superamento di Polisport sia stata messa in campo fin dal 2012, all’epoca del debito fuori bilancio, in linea con una normativa sulle partecipate comunque finora contraddittoria”. “Negli ultimi vent’anni Polisport ha fatto molto bene, considerando il contratto di servizio con il Comune e le criticità gestionali”, ha detto Tavernelli che ha giudicato positivamente l’azione della dirigenza della società per il recupero dei crediti e ha escluso l’esistenza di conflitti di interessi, “che – ha detto – se non vengono segnalati dai revisori dei conti non ci sono”. A stigmatizzare la volontà della minoranza di “mettere nel mirino le partecipate del Comune” è stato il consigliere Giovanni Procelli (La Sinistra), che ha sottolineato la disponibilità al confronto della dirigenza di Polisport e l’importante azione di recupero dei crediti avviata. A lamentare l’atteggiamento ostativo della maggioranza sulla vicenda Polisport è stato il consigliere Marco Gasperi, che ha chiesto spiegazioni sulla mancata approvazione del bilancio 2016 e sottolineato i ritardi accumulati nell’affrontare la situazione creditoria, “che determinano ora il rischio di non poter riscuotere alcune somme”. 

Replica del presidente Monaldi. Il presidente di Polisport Angelo Monaldi ha chiarito che l’approvazione del bilancio 2016, “che è comunque in attivo, è stata rinviata, anche con il conforto dei revisori dei conti in questo senso, al fine di poter valutare appieno l’impatto dell’adozione dei nuovi principi contabili, ai sensi del decreto legislativo n.139 del 2015”. Il presidente di Polisport ha spiegato che il piano anticorruzione è stato redatto e che la società si è adeguata alla normativa sulla trasparenza, provvedendo anche alla nomina del responsabile che riveste lo stesso ruolo anche per la prevenzione della corruzione, mentre sull’azione di recupero dei crediti ha informato i consiglieri che “le società sportive debitrici hanno già iniziato a pagare, in unica soluzione o rateizzando gli importi”. Monaldi si è soffermato sulla situazione del Città di Castello calcio per puntualizzare che è stato raggiunto un accordo in base al quale il sodalizio biancorosso verserà a Polisport il contributo da 63 mila euro che riceve annualmente dal Comune nell’ambito della convenzione per la gestione dello stadio “Bernicchi” e per la differenza pagherà in rate bimestrali dal 30 aprile 2017 al fine di saldare il debito. A questo proposito, il vice segretario generale Rossi ha chiarito i termini della convenzione, sottolineando che il contributo viene versato dal Comune a fronte delle prestazioni garantite per la gestione dell’impianto da parte della società calcistica, ricordando la scadenza dell’accordo con il sodalizio nel 2019, precisando che negli anni nei quali la convenzione non è stata rispettata il Comune non ha corrisposto il contributo stesso e che il versamento 2017 è stato fatto solo dopo gli accordi raggiunti dal Città di Castello calcio con Polisport per il pagamento del debito. Sui debiti di Polisport è stato chiarito che la società ha definito un piano di rateizzazione con i fornitori, che non applicheranno alcun onere, mentre sul versante del personale è stato puntualizzato che non sono state effettuate assunzioni a tempo indeterminato, ma solo contratti a tempo determinato per la stagione del nuoto. In chiusura, Monaldi ha annunciato che “la prossima settimana inizieranno lavori di ristrutturazione della piscina per bambini esterna”.

Conclusioni del sindaco Bacchetta.  A concludere il dibattito è stato il sindaco Bacchetta, che ha sottolineato la determinazione a tutelare il personale di Polisport, come è stato dimostrato con la scelta di non affidare le gestioni degli altri impianti cittadini in analogia a quanto avvenuto, invece, per lo stadio comunale, in modo da garantire il lavoro, rimarcando l’attenzione per i precari della società. “Mi sono posto fin dall’inizio della mia esperienza di sindaco il problema di Polisport, portando in consiglio comunale la questione del debito fuori bilancio e avviando il risanamento finanziario della società”, ha detto Bacchetta, che ha ricordato come sulla scorta delle normative sulla riduzione delle partecipate l’unica strada possibile sia la dismissione di Polisport e l’avvio del percorso di incorporazione in Sogepu “per il quale – ha detto - ora ci sono le condizioni necessarie”.

 


Condividi questo contenuto

Privacy - Note legali - Accessibilità - Posta interna - Posta Elettronica Certificata - Contatta il Comune - Cookie Policy

Comune di Città di Castello - Piazza Gabriotti, 1 06012 Città di Castello (PG) - Telefono 07585291 Telefax 0758529216
Posta elettronica certificata (Pec) comune.cittadicastello@postacert.umbria.it
Codice Iban: IT 38 R 01030 21600 000002529803 (Monte dei Paschi di Siena S.p.A. Piazza Garibaldi - 06012 Città di Castello PG)

Il portale del Comune di Città di Castello (PG) è un progetto realizzato da Internet Soluzioni con la piattaforma ISWEB ® - Content Management Framework

- Inizio della pagina -
Il progetto Comune di Città di Castello (PG) è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it