Comune di Città di Castello (PG)

BILANCIO POSITIVO PER IL NUOVO CORSO DI TELA UMBRA. BACCHETTA: "SIAMO AL LAVORO PER IL POTENZIAMENTO DEL POLO MUSEALE E IL RITORNO DI TUTTI I BENI MOBILI DEL PATRIMONIO FRANCHETTI". PRESENTATI I LAVORI DI RESTAURO EFFETTUATI GRAZIE A SOGEPU

venerdì 24 novembre 2017
Ricerca assistita
Ricerca assistita
Mentre digiti nella casella di ricerca la funzione di completamento automatico ti offre diverse soluzioni di ricerca
Notizie dal Comune
Home Page » Documentazione » Notizie dal Comune » lettura Notizie e Comunicati
..
BILANCIO POSITIVO PER IL NUOVO CORSO DI TELA UMBRA. BACCHETTA: "SIAMO AL LAVORO PER IL POTENZIAMENTO DEL POLO MUSEALE E IL RITORNO DI TUTTI I BENI MOBILI DEL PATRIMONIO FRANCHETTI". PRESENTATI I LAVORI DI RESTAURO EFFETTUATI GRAZIE A SOGEPU
CAmpanili
22-06-2017 -

 

“Le celebrazioni del Centenario della morte del Barone Franchetti saranno una grande opportunità di promozione per Tela Umbra, che, grazie all’azione del nuovo consiglio di amministrazione e alla dedizione delle socie, si presenta al meglio a un appuntamento con la storia per il quale come amministrazione comunale siamo intenzionati a lavorare al potenziamento e all’ampliamento del polo museale, in modo da poter accogliere tutti i beni mobiliari del patrimonio Franchetti che si trovano ancora fuori da Città di Castello e che sono avviati al completo ritorno”. Il sindaco Luciano Bacchetta ha inquadrato così situazione e prospettive della società cooperativa Tela Umbra, partecipata dal Comune con una quota del 26,91 per cento del capitale, nella conferenza stampa di stamattina convocata per tracciare il bilancio di un anno di lavoro del nuovo consiglio di amministrazione insediatosi nel maggio del 2016. “Un lavoro del quale siamo molto soddisfatti, perché ha rimesso al centro dell’attenzione Tela Umbra, con la sua storia e il suo patrimonio, ottenendo positivi risultati sia dal punto di vista della gestione economica, che sotto il profilo della valorizzazione del patrimonio Franchetti e della produzione artigianale della cooperativa”, ha sottolineato Bacchetta, alla presenza dell’assessore al Commercio Riccardo Carletti, del presidente di Tela Umbra Pasquale La Gala e di Cristian Goracci, presidente di Sogepu, che ha contribuito al restauro del grande portone ligneo di palazzo Tomassini (sede della cooperativa) e della statua custodita nel giardino dell’immobile. “Grazie al fondamentale supporto delle socie e ai sacrifici che hanno sostenuto in questo anno siamo riusciti a riequilibrare una difficile situazione finanziaria, chiudendo il bilancio 2016 con un modesto, ma significativo utile, e abbiamo avviato un importante restyling degli ambienti di rappresentanza, di lavoro e delle sale museali per ricostruire un’immagine positiva e serena della cooperativa”, ha dichiarato La Gala nell’illustrare le principali azioni intraprese dal nuovo consiglio di amministrazione, del quale, oltre al presidente, fanno parte Tiziana Bani e Natalia Giulietti in rappresentanza delle socie, Gian Luigi Aquilini per Sviluppumbria e Giuseppe Rossi per il Comune, con il revisore dei conti Franco Seghini. Al lavoro di recupero e riqualificazione a palazzo Tomassini, con il miglioramento delle fruibilità dei locali, il restauro di mobili, quadri, stampe e suppellettili del portone ligneo dell’ingresso, del quale sono stati ritrovati i battenti da un rigattiere, la ricollocazione di arredi pregiati depositati in una falegnameria cittadina e la sistemazione dello storico Giardino Franchetti (ex Orto Alberti) per renderlo di nuovo utilizzabile per iniziative pubbliche, si è aggiunta un’azione di promozione dell’immagine della Tela Umbra con la partecipazione a manifestazioni espositive locali, come quella con l’Associazione “Rinascimento nel Borgo” di Sansepolcro, e l’avvio di promettenti collaborazioni, come quella con l’Università per Stranieri di Perugia, per l’utilizzo di stagisti a supporto dell’attività della cooperativa, e con il Museo del Bargello di Firenze. “Con l’interessamento ed il sostegno dell’onorevole Walter Verini, che ci ha messo in contatto con il sindaco Dario Nardella e l’assessora Anna Paola Concia, abbiamo preso gli opportuni contatti per un gemellaggio con la prestigiosa struttura espositiva fiorentina, che ospita circa 400 tovaglie perugine donate dal fratello del Barone Franchetti”, ha evidenziato La Gala, che ha dato conto anche delle iniziative intraprese per il rinnovo del sito internet, con la creazione di una vetrina elettronica con tutti i prodotti della Tela Umbra e la possibilità di acquistare mediante e-commerce, e per la vendita all’estero dei prodotti, attraverso contratti con le società “Maison numen” e “Italianology”, che operano sul mercato americano. “La valorizzazione di Tela Umbra deve passare sempre più per il recupero e la promozione di una esperienza culturale e storica unica – ha osservato Carletti - ma anche per il posizionamento sul mercato di una produzione artigianale di straordinario pregio, che deve trovare la giusta collocazione commerciale sia fisica, attraverso i canali di vendita più prestigiosi in Italia e all’estero, sia virtuale, attraverso le transazioni sulla piattaforma internet oggi indispensabili”. “Per noi è stato motivo di grande soddisfazione partecipare agli interventi di restauro e recupero del patrimonio Franchetti”, ha detto Goracci, che ha sottolineato “l’apprezzamento per l’amore, l’entusiasmo e l’impegno che abbiamo constatato nel nuovo corso di Tela Umbra, alla quale siamo vicini e continueremo a stare vicini, visto anche il nostro coinvolgimento nelle iniziative del Centenario del Barone Franchetti”. Proprio l’appuntamento con il Centenario, che cadrà a novembre di quest’anno, sarà al centro del lavoro di Tela Umbra nei prossimi mesi, nei quali il presidente La Gala ha preannunciato importanti iniziative di concerto con la Fondazione “Hallgarten-Franchetti” e con il Comune, tra cui il restauro del calesse appartenuto ai Baroni Franchetti, trasferito da Foligno a Città di Castello presso il laboratorio di falegnameria della Scuola Operaia Bufalini, e la continuazione del lavoro finalizzato al rientro in città di tutto il patrimonio Franchetti giacente presso il Centro regionale di Protezione Civile di Foligno.

 


Condividi questo contenuto

Privacy - Note legali - Accessibilità - Posta interna - Posta Elettronica Certificata - Contatta il Comune - Cookie Policy

Comune di Città di Castello - Piazza Gabriotti, 1 06012 Città di Castello (PG) - Telefono 07585291 Telefax 0758529216
Posta elettronica certificata (Pec) comune.cittadicastello@postacert.umbria.it
Codice Iban: IT 38 R 01030 21600 000002529803 (Monte dei Paschi di Siena S.p.A. Piazza Garibaldi - 06012 Città di Castello PG)

Il portale del Comune di Città di Castello (PG) è un progetto realizzato da Internet Soluzioni con la piattaforma ISWEB ® - Content Management Framework

- Inizio della pagina -
Il progetto Comune di Città di Castello (PG) è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it