Comune di Città di Castello (PG)

BANDO PER LA RISTORAZIONE SCOLASTICA: PRESENTATO IN COMMISSIONE "SERVIZI E PARTECIPAZIONI" L'ACCORDO TRA CITTÀ DI CASTELLO, SAN GIUSTINO E CITERNA PER LA GESTIONE DEL NUOVO APPALTO

martedì 21 novembre 2017
Ricerca assistita
Ricerca assistita
Mentre digiti nella casella di ricerca la funzione di completamento automatico ti offre diverse soluzioni di ricerca
Comune di Città di Castello

Comune di Città di Castello
Piazza Gabriotti 1, 06012 Città di Castello (PG)
Partiva IVA: 00372420547
PEC comune.cittadicastello@postacert.umbria.it

..
Notizie dal Comune
Home Page » Documentazione » Notizie dal Comune » lettura Notizie e Comunicati
..
BANDO PER LA RISTORAZIONE SCOLASTICA: PRESENTATO IN COMMISSIONE "SERVIZI E PARTECIPAZIONI" L'ACCORDO TRA CITTÀ DI CASTELLO, SAN GIUSTINO E CITERNA PER LA GESTIONE DEL NUOVO APPALTO
Comune Palazzo
27-06-2017 -

 

“Città di Castello, San Giustino e Citerna tornano insieme nella gestione in forma aggregata dell’appalto del servizio di ristorazione scolastica, grazie a un accordo di programma che consentirà di conseguire prezzi maggiormente competitivi, abbattere l’impatto ambientale, assicurare la tutela dei diritti umani lungo l’intera catena di fornitura e salvaguardare la qualità delle mense che lavoreranno per gli alunni della scuola dell’infanzia, primaria e secondaria di primo grado”. Lo ha annunciato l’assessore alla Scuola Rossella Cestini nella seduta della commissione “Servizi e Partecipazioni” di ieri, nella quale è stata presentata l’intesa raggiunta tra i comuni più a nord dell’Alta Valle del Tevere per la gestione unificata delle procedure di gara per l’affidamento del servizio di ristorazione scolastica (approvvigionamento, preparazione dei pasti, veicolazione) e per l’affidamento delle funzioni ausiliarie connesse (distribuzione, sporzionamento), per le quali l’amministrazione tifernate sarà stazione appaltante. L’accordo di programma passerà al vaglio dei consigli comunali, che dovranno licenziarlo per avviare le successive procedure di appalto del servizio. Nella riunione, convocata dal presidente della commissione Giovanni Procelli alla presenza del dirigente del settore Istruzione ed Educazione Marina Vaccari e del funzionario Rita Conti, i consiglieri comunali hanno approfondito alcune questioni riguardanti il servizio di ristorazione scolastica emerse negli ultimi mesi, in particolare quelle riguardanti i quantitativi delle pietanze somministrate nelle mense, con Marco Gasperi (M5S) che ha chiesto conto della riduzione delle porzioni, del problema della ripartizione dei pasti tra i bambini per la presenza di famiglie impossibilitate a sostenere i costi del servizio e delle azioni intraprese dall’ente per affrontare la situazione, e la gestione dei cosiddetti “pasti solidali”, con il consigliere Emanuela Arcaleni (Castello Cambia) che ha posto l’esigenza di conoscere quale tipo di intervento garantisca l’amministrazione comunale. L’esigenza di comprendere cosa si intenda per tutela dei diritti umani nella filiera di fornitura e le modalità di applicazione del chilometro zero è stata avanzata dal consigliere Cesare Sassolini, con il consigliere Gaetano Zucchini (Pd) che ha plaudito all’accordo di programma e ha sottolineato il valore educativo delle scelte etiche compiute dal Comune per il servizio di ristorazione, quali la lotta allo spreco alimentare e l’eliminazione della plastica. Soddisfazione per la gestione del servizio è stata espressa dal consigliere Vittorio Massetti (Pd), mentre il consigliere Benedetta Calagreti (Psi) ha chiesto chiarimenti sulla valutazione del criterio economico nel bando di appalto. Nel chiarire che sul bando è prematuro dare qualunque indicazione al momento, ricordando che “le valutazioni economiche sono vincolate dalle normative, ma che comunque sarà privilegiata la qualità del servizi e non il risparmio”, l’assessore Cestini ha spiegato che le problematiche sui quantitativi delle porzioni sono emerse nel momento in cui i menu sono stati modificati per uniformarli alle nuove linee di indirizzo regionali e non per la redistribuzione dei pasti a favore dei bambini con difficoltà economiche e che la questione è stata superata dall’amministrazione comunale mediante “un ampio confronto con le famiglie e un’interpretazione delle normative regionali che ha portato alla definizione di quattro fasce d’età in base alle quali differenziare le quantità di cibo”. Sui pasti solidali per assicurare il servizio mensa è stato chiarito che la responsabilità degli interventi ricade sulle direzioni didattiche, che a seconda dei casi valutano come gestire i quantitativi in un contesto di riduzione dello spreco alimentare sul quale l’amministrazione comunale punta molto. Altra azione prioritaria indicata dall’assessore Cestini è stata quella dell’eliminazione della plastica dalle mense, nel quadro di scelte di campo etiche e qualitative che privilegiano le produzioni biologiche, il chilometro zero per quanto reso possibile dalle capacità produttive locali e la tutela dei diritti umani nelle fasi produttive, contro lo sfruttamento della manodopera.  

 


Condividi questo contenuto

Privacy - Note legali - Accessibilità - Posta interna - Posta Elettronica Certificata - Contatta il Comune - Cookie Policy

Comune di Città di Castello - Piazza Gabriotti, 1 06012 Città di Castello (PG) - Telefono 07585291 Telefax 0758529216
Posta elettronica certificata (Pec) comune.cittadicastello@postacert.umbria.it
Codice Iban: IT 38 R 01030 21600 000002529803 (Monte dei Paschi di Siena S.p.A. Piazza Garibaldi - 06012 Città di Castello PG)

Il portale del Comune di Città di Castello (PG) è un progetto realizzato da Internet Soluzioni con la piattaforma ISWEB ® - Content Management Framework

- Inizio della pagina -
Il progetto Comune di Città di Castello (PG) è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it