Comune di Città di Castello (PG)

3MILIONI DI INVESTIMENTI E DUE MILIONI IN MENO DI TASSE COMUNALI. IL 2014 DELL'ASSESSORE AL BILANCIO ALCHERIGI

martedì 21 novembre 2017
Ricerca assistita
Ricerca assistita
Mentre digiti nella casella di ricerca la funzione di completamento automatico ti offre diverse soluzioni di ricerca
Comune di Città di Castello

Comune di Città di Castello
Piazza Gabriotti 1, 06012 Città di Castello (PG)
Partiva IVA: 00372420547
PEC comune.cittadicastello@postacert.umbria.it

..
Notizie dal Comune
Home Page » Documentazione » Notizie dal Comune » lettura Notizie e Comunicati
..
3MILIONI DI INVESTIMENTI E DUE MILIONI IN MENO DI TASSE COMUNALI. IL 2014 DELL'ASSESSORE AL BILANCIO ALCHERIGI
News
15-01-2015 -

“Tre milioni di investimenti per liberare risorse al servizio dell’economica e un taglio alle tasse di quasi due milioni di euro”: per l’assessore al Bilancio e Finanze del comune di Città di Castello Mauro Alcherigi sono questi gli indicatori del lavoro compiuto dall’Amministrazione comunale “per contrastare gli effetti della crisi sulle famiglie e sulle imprese”.

Finanza.“Nonostante l’entrata in vigore della Iuc, l’imposta unica comunale che accorpa la Tari per i rifiuti, la Tasi per le prime case e l’Imu, siamo riusciti ad abbattere il prelievo fiscale sui cittadini di un milione ed ottocentomila euro, azzerando il contributo sui servizi indivisibili per un milione, rimodulando l’Irpef per 50mila euro, diminuendo di 600mila euro le tasse sulla casa e aumentando di 150mila euro i contributi per le famiglie. Abbiamo agito in due direzioni: progressività ed equità, grazie ad una griglia articolata di aliquote ed agevolazioni in base alla reale capacità di reddito dei cittadini. La partita sulla casa, invariata l’Imu, ha visto diminuire l’aliquota sugli immobili a canone concordato, sottoposti nell’ambito di un protocollo regionale, che il Comune di Città di Castello ha firmato per primo in Umbria, e quelli a comodato gratuito.

Rimane aperta in attesa di un definitivo pronunciamento del Tar del Lazio la tassazione Imu dei terreni agricoli nei comuni, come il nostro, già classificati come montani, ed in precedenza totalmente esenti. Questa sospensione ha determinato una decurtazione di circa 800mila euro nei trasferimento dello Stato, che dovrebbero essere i cittadini a coprire per intero. La Tasi, la tassa sui servizi indivisibili, è stata azzerata per chi pagava già l’Imu. La flessibilità introdotta nella Tari invece ha eliminato alcune penalizzazioni e salvaguardato i nuclei numerosi e le attività che dovranno convivere con il consistente programma di lavoro pubblici nel centro storico. Dell’Irpef  abbiamo ridotto a 0.45% l’aliquota relativa al primo scaglione di reddito, innalzando di mille euro la soglia di esenzione, da 11mila a 12mila, così da rendere l’imposta a maggiore impronta proporzionale. Infine,un notevole impegno è stato profuso nell’attività di recupero dell’evasione e ciò sia per il perseguimento di equità e giustizia del prelievo che per permettere una politica di contenimento delle aliquote in forza di circa 850mila euro di evasione accertata a bilancio nel nostro comune”. Bilancio. La partecipazione al gruppo dei comuni sperimentatori dell’armonizzazione contabile nel 2014 (solo 2 in Umbria) ha comportato lo sforzo di adattare tutte le procedure al nuovo software ma ci ha consentito di ridurre il peso del Patto di stabilità interno di quasi 2 milioni di euro, con cui abbiamo pagato tutti i fornitori e investito in edilizia scolastica e riqualificazione della viabilità urbana per oltre 2 milioni e 500mila euro. Il risultato più percepibile all’esterno è aver fatto fronte ai pagamenti liquidando, per un importo cumulato a fine anno di circa euro 7 milioni, tutte le fatture e gli impegni esigibili per investimenti. Sul fronte delle entrate, siamo in connessione costante per verificare l’erogazione dei contributi e sono stati rinegoziati mutui con la Cassa depositi e Prestiti, ottenendo un risparmio di 207mila euro che abbiamo destinato agli investimenti. Allo stato attuale non abbiamo crediti da certificare per conti in sospeso, come dimostra la piattaforma telematica nazionale, che è un adempimento connesso al nuovo sistema di bilancio, ma le fatture relative alla spesa corrente sono state completamente pagate per un ammontare di circa 24 milioni di euro. Questa attenzione - conclude l’assessore - nasce dal ruolo che l’ente pubblico può svolgere nel dare impulso ad un’economia ancora fortemente provata dalla crisi e nel liberare le risorse in funzione anticiclica pur in un regime di progressivi tagli. Stiamo improntando la manovra finanziaria del 2015 sapendo che all’appello mancheranno circa due milioni e mezzo di euro rispetto al 2014 e cercando di assorbire questa ulteriore decurtazione nelle spese per non intaccare i servizi e lasciare invariata la pressione fiscale”.

 

 


Condividi questo contenuto

Privacy - Note legali - Accessibilità - Posta interna - Posta Elettronica Certificata - Contatta il Comune - Cookie Policy

Comune di Città di Castello - Piazza Gabriotti, 1 06012 Città di Castello (PG) - Telefono 07585291 Telefax 0758529216
Posta elettronica certificata (Pec) comune.cittadicastello@postacert.umbria.it
Codice Iban: IT 38 R 01030 21600 000002529803 (Monte dei Paschi di Siena S.p.A. Piazza Garibaldi - 06012 Città di Castello PG)

Il portale del Comune di Città di Castello (PG) è un progetto realizzato da Internet Soluzioni con la piattaforma ISWEB ® - Content Management Framework

- Inizio della pagina -
Il progetto Comune di Città di Castello (PG) è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it