Comune di Città di Castello (PG)

ANCHE A CITTA' DI CASTELLO ARRIVA LA CARTA DI IDENTITA' ELETTRONICA

martedì 21 novembre 2017
Ricerca assistita
Ricerca assistita
Mentre digiti nella casella di ricerca la funzione di completamento automatico ti offre diverse soluzioni di ricerca
Comune di Città di Castello

Comune di Città di Castello
Piazza Gabriotti 1, 06012 Città di Castello (PG)
Partiva IVA: 00372420547
PEC comune.cittadicastello@postacert.umbria.it

..
Notizie dal Comune
Home Page » Documentazione » Notizie dal Comune » lettura Notizie e Comunicati
..
ANCHE A CITTA' DI CASTELLO ARRIVA LA CARTA DI IDENTITA' ELETTRONICA
comune digitale
19-10-2017 -

 

Anche a Città di Castello arriva la CIE, la carta di identità elettronica: in questi giorni l’Ufficio di via XI settembre ha iniziato a rilasciare il documento nel nuovo formato, “che garantisce una maggiore sicurezza al cittadino, essendo a prova di contraffazione, e l’accesso, laddove siano attivati, ai servizi informatizzati della pubblicazione amministrazione” spiega l’assessore ai Servizi Demografici Monica Bartolini,  precisando che la carta d’identità elettronica sia diventata comunque “un obbligo di legge (125 del 2015) a cui il Comune sta adempiendo. Darà in mano ai cittadino un titolo di identificazione valido in tutta l’Unione europea e nei paesi con cui l’Italia ha accordi di reciprocità in tal senso”. L’introduzione sarà graduale: “Fino a scadenza naturale, sono valide le carte di identità cartacee. Nell’avvicinarsi del termine, raccomandiamo di provvedere con anticipo, perché la carta di identità elettronica non potrà essere rilasciata immediatamente dagli Uffici ma necessita di un procedimento più lungo”.

A spiegare la novità è la responsabile dei Servizi Demografici Daniela Salacchi: “La carta elettronica è fisicamente prodotta, personalizzata e stampata dall’Istituto poligrafico Zecca della Stato sulla base di una istanza che il cittadino, munito della vecchia carta o altro documento di identificazione, compilerà presso l’Ufficio comunale, portando una foto - non più tre - e sottoponendosi alla rilevazione delle impronte digitali. Mentre la foto, che è un dato biometrico primario, verrà, come accade anche ora, conservata nelle banche dati autorizzate, le impronte serviranno solo per l’identificazione interna della carta di identità e non verranno trasmesse a nessun soggetto terzo.

Gli operatori sono dotati di un’infrastruttura costituita da postazioni di lavoro informatiche complete di dispositivi per l’acquisizione dei dati, poi trasmessi attraverso un canale sicuro al CNSD - Centro Nazionale Servizi Demografici -, presso il Ministero dell’Interno, che a sua volta li trasmetterà all’IPZS per la stampa e l’invio della CIE.

Gli Uffici consegneranno la ricevuta della richiesta mentre il documento sarà recapitato entro sei giorni lavorativi presso l’indirizzo di residenza o quello indicato dal cittadino o presso il comune dove è stata fatta la domanda. 

Insieme ad un codice PUC, al titolare arriverà un codice PIN, che permetterà l’utilizzo della carta per l’identificazione presso tutti gli sportelli informatici pubblici del territorio nazionale. La Cie avrà durata di dieci anni; per i minori permane il consenso di entrambe i genitori nel caso di documento valido per l’espatrio e durate intermedie, di tre e cinque anni”.

Nella fase iniziale, saranno solo gli Uffici di Città di Castello a rilasciare le CIE; in breve tempo il servizio si estenderà alla delegazione di Trestina. Tempi stretti anche per il sito Cie on line, che permetterà la prenotazione informatizzata della carta.

“In fase di rilascio, come avviene ora, sarà possibile esprimere il consenso o il diniego alla donazione di organi, che verrà comunicata, senza passare per altri sistemi, telematicamente e direttamente al CNT, il Centro nazionale Trapianti” aggiunge l’assessore Bartolini, precisando che “quanto al costo, il Comune di Città di Castello ha deciso di applicare i 22 euro minimi, composti da 17 euro, che vanno allo Stato, e i cinque euro del Comune a coprire le spese. Anche per il duplicato abbiamo mantenuto la stessa cifra, a differenza di altre amministrazioni, che lo hanno ritoccato al rialzo. Nella transizione da una carta all’altra, l’Ufficio potrà rilasciare anche il documento cartaceo ma questa modalità è destinata ad esaurirsi prestissimo e quindi consigliamo ai cittadini di monitorare la data di scadenza e predisporre le procedure di rinnovo con un anticipo di circa sei mesi. Gli Uffici infatti, entrato a regime il nuovo modello, non potranno più rilasciare l’altro in tempo reale, come è accaduto finora. Nell’introduzione della carta informatica elettronica, una parte importante è stata svolta dai Servizi Informatici e Telematici del comune, che hanno implementato il programma in termini di sicurezza così da permettere il dialogo tra gli applicativi messi a disposizione del Ministero dell’Interno ed i nostri”.

 

(Allegate foto)

 


Condividi questo contenuto

Privacy - Note legali - Accessibilità - Posta interna - Posta Elettronica Certificata - Contatta il Comune - Cookie Policy

Comune di Città di Castello - Piazza Gabriotti, 1 06012 Città di Castello (PG) - Telefono 07585291 Telefax 0758529216
Posta elettronica certificata (Pec) comune.cittadicastello@postacert.umbria.it
Codice Iban: IT 38 R 01030 21600 000002529803 (Monte dei Paschi di Siena S.p.A. Piazza Garibaldi - 06012 Città di Castello PG)

Il portale del Comune di Città di Castello (PG) è un progetto realizzato da Internet Soluzioni con la piattaforma ISWEB ® - Content Management Framework

- Inizio della pagina -
Il progetto Comune di Città di Castello (PG) è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it