Comune di Città di Castello (PG)

UNA SALA PER NUVOLO NELLA PINACOTECA DI CITTA' DI CASTELLO.

martedì 21 novembre 2017
Ricerca assistita
Ricerca assistita
Mentre digiti nella casella di ricerca la funzione di completamento automatico ti offre diverse soluzioni di ricerca
Comune di Città di Castello

Comune di Città di Castello
Piazza Gabriotti 1, 06012 Città di Castello (PG)
Partiva IVA: 00372420547
PEC comune.cittadicastello@postacert.umbria.it

..
Notizie dal Comune
Home Page » Documentazione » Notizie dal Comune » lettura Notizie e Comunicati
..
UNA SALA PER NUVOLO NELLA PINACOTECA DI CITTA' DI CASTELLO.
comune
24-08-2015 -

 

E’ dedicata a Giorgio Ascani, in arte Nuvolo, la nuova sala della Pinacoteca comunale di Città di Castello, il secondo museo dell’Umbria, che, nell’ala dedicata moderno, ha allestito con quindici opere, frutto della donazione della famiglia, che ripercorrono quarant’anni di carriera, tra il 1952 e il 1992, dell’artista scomparso nel 2008.

Mercoledì 26 agosto alle 19.00 è prevista l’inaugurazione della nuova sala, definita dal sindaco tifernate Luciano Bacchetta “il punto di arrivo di un progetto fortemente voluto dall’Amministrazione per dare il giusto risalto ad un nostro concittadino illustre. Pensiamo di avere valorizzato al meglio questo lascito, che diventa di pubblica fruizione nell’anno del Centenario ricreando il legame che Nuvolo in vita ebbe con Burri” ha aggiunto, ringraziando la famiglia. “Se Nuvolo vedesse la sala sarebbe felice come lo sarebbe della donazione fatta alla città che amava molto” ha detto la moglie, Liana Baracchi Ascani, presente con i due figli, Giorgio e Paolo, “Inoltre la Pinacoteca era un luogo che aveva frequentato ed ammirato molto e che ora lo accoglie insieme ad altri grandi dell’arte”. Per il vicesindaco tifernate Michele Bettarelli “la Pinacoteca è il museo in cui i poli culturali della città si esprimono e si integrano. Accanto a Raffaello e Signorelli hanno trovato spazio e dimensione il post moderno Andy Wharol, il funzionalismo di Albers, le varie anime dell’Informale o attualmente gli esponenti maggiori della ceramica moderna. Nell’anno del Centenario di Burri, oltre al Maestro, stiamo valorizzando il mondo in cui visse e in questo mondo di certo abitava Nuvolo”.

La sala dedicata a Nuvolo si trova nell’ala del moderno accoglierà in modo permanente ma a rotazione le quindici opere, donate dalla famiglia al comune, e riassuntive di ognuno dei cicli pittorici che caratterizzano l’opera dell’artista. “Dalle serotipie degli anni Cinquanta, termine coniato per Nuvolo da Emilio Villa” ha specificato Brunò Corà, nella sua veste di presidente del Comitato scientifico dell’Associazione Archivio Nuvolo “agli scacchi, i bianchi e bianchi collage, i cuciti a macchini, i daini, i modulari, i diagrammi, le opere a base simmetrica, come quelli a cui aveva dato il nome di Oigroig - che altro non è dal suo nome, Giorgio, letto da destra verso sinistra -, le genesi, la geometria frattale e da ultimo le turbolenze. Città di Castello conferma la sua vocazione a generare artisti: Nuvolo lo è e lo è stato per alcune sue autentiche invenzioni, come la serigrafia, di cui fu iniziatore a livello mondiale. Non c’è nulla da sorprendersi dunque se anche il mercato si sta accorgendo di lui”. Sulla sua cifra come artista, è intervenuto anche il figlio Paolo Ascani: “Nuvolo trasformava strumenti come un telaio serigrafico in mezzi di produzione artistica. Le sue invenzioni furono frutto di un lavoro artistico e familiare che introdusse alcune tecniche attuali ancora oggi, a decenni di distanza: la multimedialità era il cuore dei filmati che realizzava in autonomia”. “E le videoproiezioni Genesi secondo Nuvolo saranno al centro dell’omaggio che il Festival delle Nazioni gli tributerà nel  Chiostro di San Domenico, alle ore 22.30 del giorno di inaugurazione” ha annunciato Venanzio Nocchi, in rappresentanza del Festival, spiegando che “si tratta di videoproiezioni delle proprie opere, che l’artista realizzò intorno agli anni ’90 e che saranno visibili fino al 5 settembre. Le immagini scorrono sulle opere guidate dalla mano dell’artista stesso che le ha realizzate in una duplice e personalissima visione”. Dopo l’inaugurazione le sale della Pinacoteca rimarranno aperte al pubblico dalle ore 21.00 alle 24.00.

(allegata foto, biografia e nome opere)

 

 


Condividi questo contenuto

Privacy - Note legali - Accessibilità - Posta interna - Posta Elettronica Certificata - Contatta il Comune - Cookie Policy

Comune di Città di Castello - Piazza Gabriotti, 1 06012 Città di Castello (PG) - Telefono 07585291 Telefax 0758529216
Posta elettronica certificata (Pec) comune.cittadicastello@postacert.umbria.it
Codice Iban: IT 38 R 01030 21600 000002529803 (Monte dei Paschi di Siena S.p.A. Piazza Garibaldi - 06012 Città di Castello PG)

Il portale del Comune di Città di Castello (PG) è un progetto realizzato da Internet Soluzioni con la piattaforma ISWEB ® - Content Management Framework

- Inizio della pagina -
Il progetto Comune di Città di Castello (PG) è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it