Comune di Città di Castello (PG)

RESOCONTO CONSIGLIO COMUNALE 1 OTTOBRE 2015

venerdì 24 novembre 2017
Ricerca assistita
Ricerca assistita
Mentre digiti nella casella di ricerca la funzione di completamento automatico ti offre diverse soluzioni di ricerca
Notizie dal Comune
Home Page » Documentazione » Notizie dal Comune » lettura Notizie e Comunicati
..
RESOCONTO CONSIGLIO COMUNALE 1 OTTOBRE 2015
torre civica
02-10-2015 -

 

ENTRA MARCELLO RIGUCCI. BURRI A N.Y E LIBRI SULLE FAMIGLIA NELLE COMUNICAZIONI


Nuovo consigliere. Seduta lampo, quella del consiglio comunale di Città di Castello, che ieri, giovedì 1 Ottobre, ha proceduto alla surroga del consigliere della Lega Nord Valerio Mancini, eletto consigliere della Regione Umbria, convalidando l’entrata tra gli scranni dell’assise tifernate di Marcello Rigucci, salutato da un applauso dei colleghi, ed ha concentrato l’attenzione su due problematiche inerenti la zona Sud, l’ambulanza e la rete fognaria.


Burri al Guggenheim. Nelle comunicazioni il sindaco Luciano Bacchetta ha annunciato la trasferta a New York per partecipare insieme al vicesindaco e assessore alla Cultura, Michele Bettarelli, all’inaugurazione della mostra che il museo Guggenheim dedicherà ad Alberto Burri nell’anno del Centenario: “La presenza del sindaco, doverosa ed economicamente sostenuta dalla Fondazione, sarà anche finalizzata a definire date e modalità dell’allestimento della mostra, la stessa del Guggeheim, a Città di Castello presso gli ex seccatoi, nei primi mesi del 2016. Si tratta di un evento che i critici considerato senza eguali in fatto di arte contemporanea e di uno dei punti qualificanti del programma del Centenario. Al ritorno sarà mia premura riferire su quanto concordato a vantaggio della città e dell’opera di Alberto Burri”.


Libri sulle famiglie. Uno dei testi selezionati dalla Regione Umbria nelle azioni di invito alla lettura per le scuole, è stata oggetto dell’intervento del capogruppo del Pdl Davide Pazzaglia: “La Regione Umbria ha finanziato un progetto di lettura in cui è stato inserito un volume che si occupa di teoria gender. La Ministra dell’Istruzione Stefania Giannini aveva negato che nelle scuole si insegnasse la teoria gender e mi sembra grave che in una scuola dell’infanzia venga proposta con i soldi dei contribuenti, circa 50mila euro, e in maniera subdola, senza avvisare i genitori di tale iniziativa”. L’assessore alle Politiche scolastiche Mauro Alcherigi, per quanto riguarda il volume “Piccolo uovo” di Francesca Pardi, vincitore del Premio Andersen 2012 per la categoria 0-6 anni, ha dichiarato che "Non siamo gli interlocutori diretti, ci limitiamo ad osservare che il mondo va verso una diversità di cui la scuola non può non prendere atto e che il libro non promuove tipi di famiglia ma ne descrive una panoramica".

 

 



TRESTINA AL CENTRO DEI LAVORI CON 118 E RETE FOGNARIA


Barberini invitato in commissione.


“Presto l’assessore regionale alla Sanità Luca Barberini sarà a Città di Castello per visitare l’ospedale, e in quella circostanza propongo che incontri la commissione consiliare per affrontare il nodo del 118 nella zona Sud”: così il sindaco di Città di Castello Luciano Bacchetta ha risposto all’interrogazione del consigliere comunale Polo tifernate Manuel Maraghelli sulla postazione fissa di ambulanza presso la sede della Asl di Trestina, “un servizio che da tempo i cittadini chiedono e che, sebbene dagli anni Ottanta sia stata al centro di confronti istituzionali e posizioni politiche, l’Azienda sanitaria non ha mai introdotto” ha detto il consigliere, definendo un’occasione persa “non aver inserire nel recente bando per l’affidamento del 118 punteggi o premialità per i soggetti che avessero previsto un simile servizio nella loro offerta”. Ricordando le molte iniziative intraprese anche nelle legislature precedenti, Maraghelli ha parlato della mozione approvata dal consiglio comunale per attivare una postazione di ambulanza senza medico e gestita da volontari, disattesa, e della mobilitazione anche recente dei cittadini che hanno ripresentato una petizione in tal senso “perché il diritto alla salute dovrebbe essere garantito a tutti nella stessa misura. La legge prevede un massimo di venti minuti per l’intervento in caso di emergenza: se questo limite è osservato per l’abitato di Trestina, non lo è per le propaggini del comune tifernate che arrivano molto più lontano. Le zone decentrate, come San Leo Bastia, non possono essere raggiunge nell’intervento di venti minuti. L’attuale punto caldo è qualcosa di utile ma diverso dal 118: le istituzioni dovrebbero attivarsi e la Ausl dovrebbe valutare la generosità di un territorio molto sensibile alle esigenze della sanità con donazioni e contributi”. “Dotare la zona sud di un’autoambulanza mi trova favorevole e l’Amministrazione comunale sosterrà questa proposta come ha sostenuto e messo in campo soluzioni a potenziamento dei servizi nella zona Sud” ha aggiunto il sindaco “Il punto caldo in questi anni ha dato risposte soddisfacenti ma è opportuno che la questione del 118 a Trestina venga posta di nuovo alla Regione e sia affrontata nel suo complesso”.


Rete Fognaria: il Comune scrive ad Umbriacque. Le criticità che da qualche tempo si evidenziano nella rete fognaria della zona Sud sono state oggetto dell’interpellanza presentata dal consigliere PD Luciano Domenichini, il quale ha parlato di “un impianto risalente agli anni Ottanta e diventato insufficiente soprattutto in periodi di intense precipitazioni quando si verificano fenomeni di allagamento ai danni di abitazioni private sia a valle che, da ultimo, nelle fasce collinari. In base ad un sopralluogo compiuto con cittadini e tecnici, le problematiche sono derivanti dalla vetustà della rete fognaria, dalle disfunzionalità del collettore principale, dalle difficoltà di scarico, dalla poca manutenzione dei fossi di delimitazione. Criticità che potrebbero essere risolte da un intervento contestuale del gestore sulla rete” ha concluso Domenichini. “L’aumento demografico ha incrementato alcune fragilità del sistema” ha detto Luca Secondi, assessore alle Politiche ambientali, annunciando di avere scritto ad Umbracque perché Trestina non è l’unica area del comune a manifestare lacune. “Gli enti locali hanno supportato Umbracque rinunciando anche economicamente ad alcune partite, come il canone, mentre in discussione c’è un piano delle opere triennali che è il libro della fantasia. In questa sede dichiaro che alcune prestazioni dell’azienda non sono soddisfacenti e che osserviamo una certa lentezza non solo nelle nuove realizzazione ma anche negli interventi di ripristino. Quanto alle problematiche delle abitazioni private, spesso all’origine c’è una progettualità poco prudente e non un sistema di servizi deficitario. Sulle aree non ancora urbanizzate il comune produce un’opera di sensibilizzazione costante verso i proprietari perché i terreni siano mantenuti in condizioni adeguate”.

 


Condividi questo contenuto

Privacy - Note legali - Accessibilità - Posta interna - Posta Elettronica Certificata - Contatta il Comune - Cookie Policy

Comune di Città di Castello - Piazza Gabriotti, 1 06012 Città di Castello (PG) - Telefono 07585291 Telefax 0758529216
Posta elettronica certificata (Pec) comune.cittadicastello@postacert.umbria.it
Codice Iban: IT 38 R 01030 21600 000002529803 (Monte dei Paschi di Siena S.p.A. Piazza Garibaldi - 06012 Città di Castello PG)

Il portale del Comune di Città di Castello (PG) è un progetto realizzato da Internet Soluzioni con la piattaforma ISWEB ® - Content Management Framework

- Inizio della pagina -
Il progetto Comune di Città di Castello (PG) è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it