Comune di Città di Castello (PG)

NEL FRATTEMPO, IL PUNTO PRESTITO E SALA LETTURA A PALAZZO DEL PODESTA'. "UN'ANTICIPAZIONE DELLA BIBLIOTECA MA NON SOLO"

giovedì 23 novembre 2017
Ricerca assistita
Ricerca assistita
Mentre digiti nella casella di ricerca la funzione di completamento automatico ti offre diverse soluzioni di ricerca
Notizie dal Comune
Home Page » Documentazione » Notizie dal Comune » lettura Notizie e Comunicati
..
NEL FRATTEMPO, IL PUNTO PRESTITO E SALA LETTURA A PALAZZO DEL PODESTA'. "UN'ANTICIPAZIONE DELLA BIBLIOTECA MA NON SOLO"
comune
22-10-2015 -

 

Si chiama “Nel frattempo” il Punto di prestito e Sala Lettura di Città di Castello e sarà aperto sabato 24 ottobre alle ore 10,00 a piano terra del Palazzo del Podestà, in Corso Cavour. “Il nome che abbiamo scelto è evocativo della sua funzione di accompagnamento all’inaugurazione della Biblioteca di Palazzo Vitelli a San Giacomo, di cui è una riproduzione in miniatura. Sia dei servizi tradizionali che di quelli inediti, come le nuove forme di fruizione culturale che abbiamo predisposto: tra cui l’autoprestito, gli audio-libri, i giochi da tavolo e più in generale modalità diverse per socializzare e condividere la dimensione culturale di ognuno” hanno spiegato il sindaco Luciano Bacchetta e l’assessore alle Politiche culturali Michele Bettarelli, sottolineando come “Nel frattempo non è un mero sostituto ma un’anticipazione dell’atmosfera che si respirerà a Palazzo Vitelli e soprattutto non ne è l’alternativa dal momento che abbiamo intenzione di mantenere aperto questo spazio anche dopo. Le tante risorse destinate al centro storico acquistano significato ai fini di una rivitalizzazione e Nel frattempo è nato per far incontrare, per aggregare e per offrire un luogo amico a tutti i tifernati, grandi e piccoli. Per questo una sala è completamente dedicata alle attività per i bambini”.

Che cosa è, come si usa. Nel frattempo è stato ricavato negli spazi espositivi del Palazzo del Podestà e nell’ex sede del Centro giovanile di Piazza Fanti. Entrambe gli ingressi sono stati inglobati nella dislocazione interna, arredata con modelli di sedute, tavole, poltrone e scaffali molto diffusi nelle case private. Un pianoforte accoglie chi entri da Corso Cavour sul locale principale dove è posizionata la colonnina dell’Autoprestito - novità che accelera le procedure con una semplice autentificazione -, uno schermo, scaffali bianchi allestiti come in una libreria per invitare alla consultazione, non necessariamente orientata, e alla lettura. Piccoli angoli per sedersi intorno ad un tavolo o ad un tavolino completano l’ambiente da cui si accede al superattrezzato spazio per i bambini, dove fin dal giorno dopo l’inaugurazione sono previsti laboratori e quindi alla Sala lettura. Ogni spazio è dotato di postazioni internet. Il Punto prestito sarà chiuso il lunedì e aperto il martedì, mercoledì, venerdì e la domenica dalle 15.00 alle 19.00, il giovedì e il sabato dalle 10.00 alle 13.00. La Sala lettura sarà aperta il lunedì dalle 15.00 alle 19.00 e dal martedì al venerdì dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 19.00.

“Nel frattempo contiene tutte le novità editoriali e su richiesta i libri del Fondo Antico e dell’Archivio storico, per altre pubblicazioni la consultazione è subordinata alla sua collocazione nel deposito temporaneo di tutto il materiale della biblioteca di via delle Giulianelle” ha precisato Alba Ghelli dell’Ufficio Cultura, ricordando che “sono a disposizione anche i giochi da tavolo per diversificare il tipo di attività da svolgere qui dentro” mentre “dell’originaria destinazione espositiva” aggiunge il vicesindaco Bettarelli “abbiamo conservato lo spirito con le opere gentilmente messe a disposizione su nostra richiesta dagli artisti Fabio Mariacci, Elio Mariucci, Luca Baldelli, Gino Meoni, Gian Paolo Tomassetti e dalla moglie di Bruno Zieger, che contribuiscono ad aumentare il fascino di questo nuovo luogo destinato a diventare ciò in cui gli utenti lo trasformeranno. Da questo punto di vista lavoreremo per il coinvolgimento di tutte le associazioni culturali”. “Alcuni servizi sono anche una prova generale della Biblioteca” ha sottolineato Antonella Agnoli, l’esperta di organizzazione bibliotecaria: “Introdurli sarà utile per calibrarli e metterli a regime. La contaminazione dei linguaggi, del gioco, della lettura, della musica, dell’immagine e i diversi gradi di accesso che abbiamo introdotto sono pensati per accorciare le distanze culturali e abbattere il divario digitale tra alcune categorie di persone, che qui troveranno indicazioni utili e gratuite in un ambiente neutro.

 

Alla conferenza stampa di Nel Frattempo era presente il dirigente del comune di Città di Castello Giuseppe Rossi, Italo Cesarotti, presidente della Fondazione Cassa di Risparmio che ha contribuito per gli arredi, Marta Minciotti, presidente del Lion Club di Città di Castello che ha invece sostenuto l’acquisto della colonnina per l’autoprestito. Sindaco ed assessore hanno ringraziato Regione Umbria e tutti coloro che hanno concorso all’apertura “per la grande sensibilità dimostrata verso un servizio che Amministrazione e cittadini ritengono fondamentale” ed hanno parlato del Punto prestito e Sala Lettura come di un “piccolo gioiello, che ci accompagnerà nel periodo che ci separa dalla Biblioteca di Palazzo Vitelli e che, pur nascendo come servizio ponte, acquisterà una sua connotazione autonoma e di cui non potrà fare più a meno perché un centro storico è bello soprattutto quando è vissuto dai cittadini”.  (Allegate foto)

 

 


Condividi questo contenuto

Privacy - Note legali - Accessibilità - Posta interna - Posta Elettronica Certificata - Contatta il Comune - Cookie Policy

Comune di Città di Castello - Piazza Gabriotti, 1 06012 Città di Castello (PG) - Telefono 07585291 Telefax 0758529216
Posta elettronica certificata (Pec) comune.cittadicastello@postacert.umbria.it
Codice Iban: IT 38 R 01030 21600 000002529803 (Monte dei Paschi di Siena S.p.A. Piazza Garibaldi - 06012 Città di Castello PG)

Il portale del Comune di Città di Castello (PG) è un progetto realizzato da Internet Soluzioni con la piattaforma ISWEB ® - Content Management Framework

- Inizio della pagina -
Il progetto Comune di Città di Castello (PG) è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it