Home Page » Documentazione » Notizie dal Comune » lettura Notizie e Comunicati

Notizie dal Comune

LA GIUSTIZIA TIFERNATE TORNA A CASA. IL GIUDICE DI PACE AL PALAZZO DEL PODESTA'
News
21.11.2015 -

 

"La giustizia tifernate torna a casa, nella sede storica in cui è stata amministrata per continuare a garantire certezze e tempi ragionevoli al contenzioso civile e penale": così il sindaco di Città di Castello Luciano Bacchetta nel corso dell'inaugurazione a Palazzo del Podestà degli uffici dove opera il Giudice di pace, magistratura onoraria "che presidia con un grado di giurisdizione importante perché ha competenza su materie che spesso attengono gli interessi quotidiani dei cittadini, che dopo questo primo periodo di rodaggio si collegherà anche informaticamente con il Tribunale di Perugia, che esercita la vigilanza sulla sua attività" ha detto il dirigente del Tribunale di Perugia Paola Di Domenico mentre é stato il giudice di pace Riccardo Lorenzi a ricordare l'aspetto conciliatori di questa giurisdizione ancora più significativa nella terra di Aldo Capitini. inoltre la sua collocazione svolge anche il ruolo simbolico di una legalità vicina alla piazza, in mezzo alla gente". Per il consigliere di Cassazione Daniele Cenci, ultimo giudice della sede distaccata del Tribunale di Città di Castello, prima della soppressione, "il Giudice di Pace potrà far fronte alla domanda di giustizia che viene dalla società e dalle aziende perché le cause su cui ha cognizione sono minori ma non meno importanti di altre naturalmente perché questa funzione essenziale possa essere svolta con efficacia è necessario che il ricorso al giudice di pace sia appropriato e su questo un ruolo fondamentale è svolto dagli avvocati che mediano tra cittadino e struttura giudiziaria". "La riforma del sistema giudiziario ha soppresso le sezioni distaccate tutti i comuni ma non tutti i comuni hanno, come Città di Castello, assunto gli oneri del Giudice di pace pur di garantire un presidio al territorio" ha aggiunto il presidente del Tribunale di Perugia Aldo Criscuolo. "Siamo certi che lo sforzo compiuto dalle istituzioni locali contribuirà a garantire un'amministrazione della giustizia moderno ed efficiente". Al termine della cerimonia il sindaco Bacchetta ha consegnato al giudice Daniele Cenci una targa a ricordo del suo lavoro in città. (Allegate foto)

 


Condividi