Comune di Città di Castello (PG)

RESOCONTO CONSIGLIO COMUNALE 14 DICEMBRE 2015

mercoledì 22 novembre 2017
Ricerca assistita
Ricerca assistita
Mentre digiti nella casella di ricerca la funzione di completamento automatico ti offre diverse soluzioni di ricerca
Notizie dal Comune
Home Page » Documentazione » Notizie dal Comune » lettura Notizie e Comunicati
..
RESOCONTO CONSIGLIO COMUNALE 14 DICEMBRE 2015
Documento
17-12-2015 -

 

SERVIZI PROFESSIONALI A SUPPORTO DELLE PRODUZIONI DI ECCELLENZA


Accompagnare il rilancio e lo sviluppo dell’imprenditoria locale, mettendo a disposizione servizi di consulenza professionale che permettano di valorizzare le eccellenze artigianali del territorio in Italia e all’estero. E’ l’obiettivo dell’ordine del giorno presentato dal consigliere del Pd Gionata Gatticchi che il consiglio comunale ha approvato con i 17 voti favorevoli della maggioranza di Centrosinistra (Pd, Psi, La Sinistra per Castello), Patto Civico per Città di Castello e Idv e le tre astensioni di Lega Nord, Pdl e Polo Tifernate. Con il documento la massima assise cittadina impoegna il sindaco e la giunta a “valutare la possibilità di individuare un luogo istituzionale in cui, al fine di agevolare lo sviluppo di idee imprenditoriali e la promozione di eccellenze artigianali, vengano messe a disposizione le risorse e le competenze professionali necessarie ad accompagnare nel primi passi i nuovi imprenditori, sia con attività di formazione, sia creando una sorta di ‘Start-up’ dl impresa, sostenendo una maggiore competitività del prodotti su scala sovra-locale”. Una seduta congiunta delle commissioni consiliari preposte sarà chiamata a definire le modalità di attuazione della proposta, con gli approfondimenti necessari a individuare gli strumenti idonei per supportare il mondo dell’impresa. “L’idea – ha spiegato Gatticchi, che ha ricordato come l’obbligo di riorganizzare le partecipazioni societarie del Comune abbia determinato il superamento dell’esperienza del Centro Servizi - è di dare vita a un servizio di supporto e consulenza per lo sviluppo e la promozione delle produzioni di eccellenza locali, che veda l’amministrazione pubblica farsi carico del bisogno delle aziende meno strutturate di disporre delle professionalità e delle progettualità per proporsi in modo adeguato alla clientela nazionale e internazionale”. “Serve un progetto che metta in rete le imprese che sono sopravvissute alla crisi”, ha osservato il sindaco Luciano Bacchetta, il quale ha sottolineato l’importanza di assecondare il dinamismo delle aziende che sta emergendo, ad esempio, sul versante della piastra logistica. “Abbiamo avuto diversi incontri con imprese tifernati molto forti del territorio nel settore del commercio e della logistica che hanno intenzione di impegnarsi in prima persona e che ci fanno pensare che la piastra logistica non solo funzionerà presto, ma anche bene”, ha affermato Bacchetta. “Va ricreata una progettualità a sostegno delle produzioni di eccellenza del territorio”, ha puntualizzato il consigliere del Pd Riccardo Celestini, con il quale hanno concordato il capogruppo de La Sinistra per Castello Alessandro Alunno, per il quale “il rilancio del tessuto manifatturiero, specialmente del settore del legno richiede un salto di qualità nella progettazione dei prodotti che è possibile solo con il supporto di professionalità specifiche”, il capogruppo del Psi Marco Mearelli, che ha condivisole la necessità di “reperire esperti che possano supportare l’imprenditore nei rapporti con le banche e in altre funzioni, prima di tutto quella della promozione delle sue produzioni”, e il consigliere del Pd Vincenzo Tofanelli, per il quale “le piccole aziende hanno bisogno di consulenza informatica, legale, linguistica, di persone che sappiano organizzare eventi e gestire percorsi finanziari”. “Purtroppo ci scontriamo con un sistema locale che sotto molti aspetti non sa gestire le cose più semplici, che dispone di strumenti arretrati e non riesce a seguire l’innovazione”, è intervenuto il capogruppo del Patto Civico Cristian Braganti, che ha portato l’esempio dei limiti del sistema bancario. A contestare l’impostazione del documento è stato il capogruppo del Polo Tifernate Cesare Sassolini, per il quale “la politica non può pensare di determinare il modello di sviluppo dell’imprenditoria locale”. Per il capogruppo della Lega Nord Marcello Rigucci “bisogna creare un gruppo di esperti di marketing che vada a vendere i prodotti locali nel mondo” e “dare supporto alle aziende abbassando le tasse, come ha cercato di fare il Comune, ma non fa il Governo”. A far riferimento al Centro Servizi di Cerbara è stato il capogruppo dell’Idv Roberto Colombo, il quale ha chiesto conto dell’esito di questa esperienza, “che – ha detto - doveva servire a supportare le aziende”, e di ciò che non ha funzionato. “Servirebbe una convention di settore, nella quale coinvolgere imprenditori di successo che indichino le soluzioni da adottare”, ha proposto il capogruppo del Pdl Davide Pazzaglia.

 

 



OK AL REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ACCOMPAGNAMENTO AL LAVORO


Il consiglio comunale ha approvato all’unanimità il nuovo regolamento di organizzazione e funzionamento del Servizio di Accompagnamento al Lavoro (SAL) nella Zona Sociale 1, che si rivolge ai soggetti a rischio di esclusione sociale con l’obiettivo di attivare percorsi per l’accesso all’occupazione. L’assessore al Sociale Andreina Ciubini ha spiegato che le modifiche del regolamento, concordate con gli assessori competenti dei comuni del comprensorio, sono state determinate dalle nuove disposizioni della normativa vigente e ha sottolineato “il rilievo sociale del servizio, che dà la possibilità a ragazzi con specifiche difficoltà di poter entrare nel mondo del lavoro, socializzare e sviluppare competenze”. “Dobbiamo ringraziare le aziende del territorio, perché sono riuscite prendere di nuovo tutti questi ragazzi nonostante il momento non positivo dell’economia”, ha puntualizzato Ciubini. Apprezzamento per le finalità del regolamento e per il percorso di condivisione con gli altri Comuni è stato espresso dal capogruppo de La Sinistra per Castello Alessandro Alunno, mentre il consigliere del Pd Luciano Tavernelli ha chiesto di aumentare le risorse per il servizio nel prossimo bilancio del Comune al fine di garantire continuità occupazionale ai soggetti coinvolti, incontrando la condivisione del capogruppo del Psi Marco Mearelli, del capogruppo del Pdl Davide Pazzaglia e del capogruppo del Polo Tifernate Cesare Sassolini.

 



 

APPROVATE LE MODIFICHE DELLO STATUTO DI UMBRIA DIGITALE


Con i 15 voti favorevoli della maggioranza di Centrosinistra (Pd, Psi, la Sinistra per Castello), i tre voti contrari di Idv, Lega Nord e Pdl e le due astensioni di Fdu e Patto Civico per Città di Castello, il consiglio comunale ha approvato le modifiche allo statuto di Umbria Digitale, società a totale capitale pubblico per la gestione e lo sviluppo del settore delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione regionale, che opererà per conto dei soci secondo il modello in house providing. L’assessore al Bilancio Mauro Alcherigi ha sottolineato come lo statuto recepisca le modifiche proposte dai soci, tra cui quelle del Comune di Città di Castello, e la sua approvazione sia propedeutica all’assemblea dei soci di Umbria Digitale fissata per il 18 dicembre che ratificherà il testo finale. Il consigliere del Pd Mauro Severini ha espresso perplessità sulla sequela di società e investimenti che la Regione ha messo in campo nell’ambito delle infrastrutture digitali, “con scelte progettuali – ha detto - che si sono rivelate inadeguate ai parametri di mercato”. “Servirebbe una visione più complessiva dell’infrastruttura digitale, che è fondamentale e per questo avrebbe bisogno di una gestione e una visione diverse, senza continuare a investire su strutture che si fanno concorrenza e non danno un servizio reale”, ha sostenuto Severini, che ha auspicato “una regia della Regione per il progetto di sviluppo dell’infrastruttura digitale in questo territorio”. Il sindaco Luciano Bacchetta ha condiviso le osservazioni del consigliere Severini e sul punto sono intervenuti anche il consigliere del Pd Luciano Tavernelli, che ha richiamato l’attenzione sulla necessità di garantire il funzionamento delle infrastrutture esistenti nel territorio che servono le zone disagiate, e il capogruppo della Lega Nord Marcello Rigucci, che ha chiesto delucidazioni sul testo dello statuto.

 

 

 

 

 

 


Condividi questo contenuto

Privacy - Note legali - Accessibilità - Posta interna - Posta Elettronica Certificata - Contatta il Comune - Cookie Policy

Comune di Città di Castello - Piazza Gabriotti, 1 06012 Città di Castello (PG) - Telefono 07585291 Telefax 0758529216
Posta elettronica certificata (Pec) comune.cittadicastello@postacert.umbria.it
Codice Iban: IT 38 R 01030 21600 000002529803 (Monte dei Paschi di Siena S.p.A. Piazza Garibaldi - 06012 Città di Castello PG)

Il portale del Comune di Città di Castello (PG) è un progetto realizzato da Internet Soluzioni con la piattaforma ISWEB ® - Content Management Framework

- Inizio della pagina -
Il progetto Comune di Città di Castello (PG) è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it