Home Page
COMUNE DI CITTÀ DI CASTELLO
Logo Logo Logo


 LA CITTÀ E IL TURISMO
 IL COMUNE E I SERVIZI
 CDCNET.NET
 IL PORTALE DELLA CITTÀ
 E DEI CITTADINI

STORIA LUOGHI ARTE TURISMO NOTIZIE CONTATTI HOME

PINACOTECA COMUNALE - Collezione Ruggeri

La Collezione Ruggieri non lega il suo nome ad un artista ma ad un collezionista privato che per il suo raffinato gusto per l'arte ha raccolto una ventina di dipinti degli autori più in voga nella metà del Novecento. Proprio a Roma, nel vivace ambiente del secondo dopoguerra, si va formando la collezione del professore Ettore Ruggieri (1901-1978). Originario di Città di Castello per parte di madre, esercita la sua professione di medico a Roma, Parma, Bologna e Napoli dove dirige per venticinque anni la Clinica Chirurgica dell'Università.

La Donazione Ruggieri è composta da 23 opere che, nel 1986, sono generosamente donate al Comune di Città di Castello da Pia Damiani Ruggieri, vedova del noto chirurgo marchigiano. Questi infatti aveva più volte espresso la volontà di offrire la propria Collezione di dipinti alla città che aveva dato i natali alla madre e alla quale era sempre rimasto legato, nonostante il peregrinare per l'Italia.

Le opere, allestite nelle due sale che concludono il percorso museale di Palazzo Vitelli alla Cannoniera, documentano l'arte italiana, o meglio ancora romana, della metà del XX secolo, con esempi significativi del linguaggio degli artisti prescelti.


Le opere della Donazione Ettore Ruggieri

Giorgio De Chirico, "Piazza d'Italia", 1955 ca.
Tecnica mista su tela, cm 60 x 79,5

Giorgio De Chirico, "Ettore e Andromaca", 1955 ca.
Tecnica mista su tela, cm 100 x 60

Alberto Salietti, "La pescivendola", 1924
Olio su compensato, cm 48 x 38

Carlo Carrà, "Marina", 1953
Olio su tela, cm 40 x 50

Mario Mafai, "Paesaggio romano", 1938-1940
Olio su compensato, cm 31 x 43

Mario Mafai, "Gruppo in osteria", 1950
Olio su tela, cm 80 x 100

Filippo De Pisis, "Una strada a Parigi", 1929
Olio su tela, cm 50 x 40

Gerardo Dottori, "Il lago Trasimeno", 1955 ca.
Olio su cartone, cm 35 x 42

Giovanni Omiccioli, "Orto", 1944
Olio su tela mimetica, cm 34 x 44

Giovanni Omiccioli, "Via Margutta interno 24", 1956
Olio su tela, cm 60,5 x 40

Giovanni Omiccioli, "Paesaggio", 1944
Olio su tela, cm 44,5 x 57,5

Sante Monachesi, "Veduta di Parigi", 1948-1950
Olio su tela, cm 70 x 50

Renato Guttuso, "Natura morta", 1954
Olio su tela, cm 76 x 102,7

Franco Gentilini, "Figure e tavolini", 1971
Tecnica mista su tela, cm 67,5 x 50

Giovanni Stradone, "Piazza del Popolo" 1938
Olio su compensato, cm 33 x 40,5

Fabio Failla, "Libri", 1960
Olio su tela, cm 51 x 80

Ottone Rosai, "Olivi in Via S. Leonardo", 1950 ca.
Olio su tela, cm 61 x 46

Ottone Rosai, "Il Giramontino", 1950 ca.
Olio su tela, cm 60 x 80

Ottone Rosai, "Ragazzo che studia", 1950 ca.
Olio su tela, cm 65 x 50

Gregorio Sciltian, "Natura morta", 1954
Olio su tavola, cm 50 x 40