Comune di Città di Castello (PG)

200 ARRIVI E 800MILA EURO CON I CORSI DEL CENTRO STUDI VILLA MONTESCA

mercoledì 26 aprile 2017
Ricerca assistita
Ricerca assistita
Mentre digiti nella casella di ricerca la funzione di completamento automatico ti offre diverse soluzioni di ricerca
Notizie dal Comune
Home Page » Documentazione » Notizie dal Comune » lettura Notizie e Comunicati
..
200 ARRIVI E 800MILA EURO CON I CORSI DEL CENTRO STUDI VILLA MONTESCA
scuola
09-01-2015 -

Parte con una buona notizia il nuovo corso del Centro Studi Villa Montesca, di recente costituito in Fondazione: la Comunità Europa ha approvato nell’ambito dell’Erasmus plus cinque progetti elaborati del Centro, finanziandoli con circa 800mila euro. A presentarli in Comune l’assessore alle Politiche scolastiche Mauro Alcherigi, il presidente del Centro Studi Villa Montesca Giuliano Granocchia e i primi dei circa duecento ospiti, tra studenti e docenti, che i corsi porteranno a Città di Castello nei prossimi tre anni. Proveniente da Austria, Inghilterra, Portogallo, Croazia, Turchia, la delegazione esterna ha partecipato alla conferenza stampa che si è svolta nel giorno di inaugurazione del primo progetto,“EiYou!”, mirato a favorire l’intreccio tra le scelte educative della scuola, i fabbisogni professionali delle imprese e del mondo del lavoro in genere e le personali esigenze formative degli studenti.

“Siamo un caso più unico che raro” ha commentato il presidente del Centro Studi Giuliano Granocchia, “non si verifica spesso un finanziamento multiplo ad un medesimo soggetto nell’ambito di un programma, l’Erasmus Plus, che sta muovendo i primi passi. Lo consideriamo un riconoscimento all’impegno profuso in passato e un viatico per il futuro appena iniziato con la trasformazione del Centro in Fondazione. Dal punto di vista dei contenuti i progetti appartengono all’area su cui ci siamo specializzati, ispirandoci alle figure dei baroni e di Maria Montessori, l’innovazione pedagogica; ma non dobbiamo sottovalutare i riflessi dell’operazione che svilupperà una piccola economia localmente, nel breve periodo grazie alle risorse, circa 800mila euro, che arriveranno e le mobilità; nel medio periodo con la promozione indiretta del territorio che faremo su una platea europea”.

“Nel caso del Centro Studi si può parlare senza dubbio di un’eccellenza perché è riuscito a imporre la propria proposta in un settore dove la competizione e qualificata e numerosa” ha detto l’assessore alle Politiche scolastiche Mauro Alcherigi “il merito e le buone idee trovano sempre una strada; quella imboccata con la Fondazione vuole valorizzare il legame con le istituzioni e la storia locale e dare certezze per estendere i campi di indagine ad altri settori innovativi, come ad esempio la grande partita dello smaltimento dei rifiuti, che è il problema di oggi ma potrebbe diventare un’opportunità del domani”.

“Dare fiducia ai giovani e dare strumenti agli insegnanti per trasmettere un approccio meno rassegnato più creativo e ottimista ai loro allievi è la missione che trasversalmente perseguono i corsi presentati” ha spiegato il direttore scientifico del Centro Fabrizio Boldrini, sottolineando come “questa portata innovativa è stata colta dalla Commissione, che ha finanziato il nostro progetto integralmente”.

Nello specifico dei percorsi è entrata invece Maria Rita Bracchini, responsabile della Progettazione europea: “Oggi abbiamo aperto il confronto sulle azioni a contrasto del drop out, l’abbandono scolastico; il progetto Ars coinvolgerà Grecia e Spagna per definire una nomenclatura delle competenze professionali nella cultura che sottoporremo alla Commissione; con Spagna, Belgio, Austria e Bulgaria cercheremo di creare un alfabeto per orientarsi nelle operazioni finanziarie quotidiane; infine due percorsi complementari riguarderanno formazione tecnica e professionale in collegamento con l’impresa e il no-profit”.

 (Allegata foto della delegazione)

 


Condividi questo contenuto

Privacy - Note legali - Accessibilità - Posta interna - Posta Elettronica Certificata - Contatta il Comune - Cookie Policy

Comune di Città di Castello - Piazza Gabriotti, 1 06012 Città di Castello (PG) - Telefono 07585291 Telefax 0758529216
Posta elettronica certificata (Pec) comune.cittadicastello@postacert.umbria.it
Codice Iban: IT52V0306921698100000046023 (Intesa Sanpaolo Piazza Matteotti, 1 - 06012 Città di Castello PG)

Il portale del Comune di Città di Castello (PG) è un progetto realizzato da Internet Soluzioni con la piattaforma ISWEB ® - Content Management Framework

- Inizio della pagina -
Il progetto Comune di Città di Castello (PG) è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it